«Ho paura. Non vi rivedrò mai più»

Kadiza Sultana nel 2015 aveva deciso di lasciare Londra e partire per la Siria per unirsi all'Isis. Presto si era resa conto che la vita nel Califfato non era quella che le avevano raccontato. Voleva tornare a casa. Ma non ce l'ha fatta.

Kadiza SultanaAll’inizio del 2015 Kadiza Sultana, 16enne inglese, era scappata di casa insieme a due sue coetanee (Shamima Begum e Amira Abase) con l’intenzione di raggiungere la Siria e unirsi allo Stato Islamico. Erano partite dall’aeroporto di Gatwick, dicendo alle famiglie che avrebbero passato una giornata fuori.

«KADIZA È MORTA»
A distanza di un anno, la piccola Kadiza non è ruscita a sopravvivere. Secondo la tivù britannica Itv, infatti, la famiglia della ragazza avrebbe ricevuto notizia della morte della ragazza, che sarebbe avvenuta a maggio. Anche se, per il momento, non ci sono prove.

«COSTRETTA A SPOSARSI»
Kadiza, racconta il blog del Corriere La 27esima ora, si sarebbe resa conto molto presto che la vita all’interno dell’Isis non era quella che la propaganda raccontava. Appena arrivata era stata costretta a sposare un combattente morto qualche mese dopo l’unione. La ragazza, pentita di essere partita, era riuscita a contattare i suoi tramite WhatsApp e aveva detto loro di voler tornare a casa.

IL TENTATIVO DI FUGA
Così, la sua famiglia aveva tentato di tirarla fuori da quella tremenda situazione, organizzando un piano. Kadiza, però, era spaventata:  «Non ho una buona sensazione, ho paura. Se qualcosa va storto è finita, non vi rivedrò mai più. Sapete, i confini sono chiusi adesso, come farò a uscire? Non passerò dai territori del Pkk, non lo farò mai e poi mai», aveva detto alla sorella parlando da un Internet point.

«BISOGNA PREVENIRE»
Una morte, la sua, che ha sconvolto la Gran Bretagna. Come può essere così semplice per una ragazzina raggiungere la Siria? Come mai così tanti giovani si fanno coinvolgere dalla propaganda dell’Isis? La prevenzione è importantissima, ma evidentemente, in molti casi, non abbastanza efficace. «Immaginavamo che non ce l’avrebbe fatta. Almeno adesso sappiamo che è in un posto migliore», ha affermato la sorella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , Data: 12-08-2016 05:24 PM


Lascia un Commento

*