Trump ha suggerito di uccidere Hillary?

Durante un comizio, il candidato repubblicano ha invitato il popolo delle armi a fermare la candidata democratica per difendere il secondo emendamento.

donald trumpDisposto a tutto pur di assicurarsi la vittoria. Persino a suggerire, nemmeno troppo velatamente, l’assassinio della sua rivale Hillary Clinton. Durante un comizio a Wilmington, nella North Carolina, il candidato repubblicano Donald Trump ha voluto rivolgere una sorta di appello a tutti i possessori di armi: «Hillary, di fatto, vuole abolire il secondo emendamento [...]. Se riuscisse a nominare i propri giudici (per la corte suprema, ndr) non c’è nulla che voi possiate farci. Forse voi gente del secondo emendamento potreste, non lo so».

IL DIRITTO ALLE ARMI
La frase di Donald Trump fa riferimento al secondo emendamento della costituzione Usa, quello che garantisce il diritto dei cittadini a possedere e portare armi. Chiedere l’aiuto del ‘popolo del secondo emendamento’ per fermare Hillary qualora venisse eletta, è sembrato a tutti un chiaro invito ad assassinarla. Il comitato elettorale di Clinton ha condannato duramente le parole di Trump. Il quale, nettamente indietro nei sondaggi e con sempre meno fondi da utilizzare per la campagna elettorale, si vede evidentemente costretto a dichiarazioni sempre più estreme per attirare l’attenzione dei media. La frase di Trump è ancora più agghiacciante, inoltre, se si pensa al passato della storia americana. Ben quattro presidenti sono stati assassinati: Abraham Lincoln, James A. Garfield, William McKinley e John F. Kennedy.

PER UN PUGNO DI VOTI
Il tema del diritto alle armi è caldissimo negli Stati Uniti, dove ogni anno decine di migliaia di persone muoiono uccise da arme da fuoco: nel 2013, ad esempio, si registrarono all’incirca 33 mila vittime. Se da una parte, soprattutto tra i democratici, si spinge per mettere fine a questa mattanza annuale limitando la circolazione delle armi da fuoco, dall’altra la potentissima lobby delle armi vuole che tutto rimanga così com’è. La stessa Hillary Clinton, d’altra parte, ha negato con forza di voler abolire il secondo emendamento, come riporta il Guardian: a riprova del fatto che si tratta di un argomento piuttosto scivoloso, dove basta davvero poco per perdere consensi. O guadagnarne, come spera Trump.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , , Data: 10-08-2016 12:19 PM


Lascia un Commento

*