Divise dalla cultura o unite dallo sport?

Le foto dell'incontro di beach volley disputatosi a Rio 2016 tra Germania ed Egitto fanno riflettere: due donne in bikini da una parte, in divisa integrale dall'altra parte. Simbolo di convivenza o di conflitto insanabile?

BEACH VOLLEYBALL-OLY-2016-RIO-GER-EGYDa una parte due donne con pantaloni e magliette a maniche lunghe, con la testa coperta da un hijab. Dall’altra, due donne in striminziti bikini. Il match di beach volley femminile tra Egitto e Germania che si è svolto durante Rio 2016 non ha colpito tanto per i valori sportivi in campo, quanto piuttosto per quelli simbolici. Facile semplificare: l’Islam da una parte, l’Occidente dall’altra. Le foto dell’incontro, d’altra parte, fanno riflettere. E ognuno può chiedersi se si tratti di quattro donne divise da due culture o unite dallo sport, nel più compiuto spirito olimpico. Alla fine, per la cronaca, sul campo ha prevalso il duo tedesco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery Argomenti: , , Data: 08-08-2016 07:13 PM


4 risposte a “Divise dalla cultura o unite dallo sport?”

  1. Mr.Loto scrive:

    È bello vedere due culture così diverse sul campo da gioco.
    Se imparassimo a convivere con le differenze degli altri, combattendo tutti per la giustizia, il mondo sarebbe un posto meraviglioso.

  2. Roberta scrive:

    Imposto da paesibislamici( ricordiamo che L Arabia Saudita non ha squadra calcio femminile e vieta alle donne guida e perfino bicicletta), L hijab imposto ( o non si gioca) è’ una grande offesa alle donne , alla libertà , allo sport.
    Come burqa e niqab esso è’ espressione di ciò che molte islamiche coraggiose condannano.
    Le testimonianze sono centinaia .
    Una vergogna che esula da ricchezza culturale , convivenza e libertà.
    Roberta

  3. Simone scrive:

    Dal punto di vista della prestazione sportiva, non credo vedremo mai una tuta+hijab battere un bikini… Non c’entra la cultura, il bikini è il vestiario più comodo e funzionale per questo sport. Punto e basta!

Lascia un Commento

*