Finché morte non le separi

La legge Cirinnà non è ancora 'operativa' ma a Milano è stata celebrata la prima unione civile: Margherita, malata terminale di 53 anni, ha sposato la sua compagna in ospedale. Aveva rivolto un appello a Palazzo Chigi: «Voglio che lei senza di me sia al sicuro».

unioniciviliNonostante i ritardi della legge, Margherita è riuscita a coronare il suo ultimo sogno: quello di sposare la sua compagna grazie a un «matrimonio sgarrupato», come lo chiamano loro.
Cinquantatré anni, maestra e malata terminale di cancro, ricoverata a Milano da inizio luglio, aveva chiesto di unirsi civilmente con la sua fidanzata il più presto possibile: il tempo avrebbe potuto tradirla. Mercoledì 27 luglio Margherita e la sua compagna hanno firmato così la prima unione civile ufficiale del Comune di Milano, intervenuto con un provvedimento in extremis che ha ‘scavalcato’ anche la legge Cirinnà non ancora operativa: le celebrazioni inizieranno quindi attorno al 9-10 agosto.

L’APPELLO A PALAZZO CHIGI
Margherita aveva rivolto nei giorni scorsi un appello al comune e a palazzo Chigi – attraverso Repubblica – perché la sua fidanzata, dopo la sua morte, potesse godere di tutti i diritti che spetterebbero a qualsiasi marito e moglie. «Voglio che lei senza di me sia al sicuro», aveva spiegato, raccontando del suo desideri di lasciarle reversibilità e liquidazione.
Mercoledì il dirigente dell’anagrafe ha verbalizzato l’unione civile, nella stanza al primo piano in cui Margherita è ricoverata, appellandosi alla formula del «matrimonio in imminente pericolo di vita» che permette di celebrare un matrimonio senza aspettare i tempi delle pubblicazioni.
«Siamo intervenuti, nei limiti delle nostre possibilità, perché una situazione tanto delicata non ci permetteva di attendere», ha spiegato sempre a Repubblica l’assessore al welfare, Pierfrancesco Majorino. «Questa vicenda umana rende evidente l’urgenza della Cirinnà, una legge che elimina barriere troppo a lungo tollerate in Italia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 28-07-2016 06:09 PM


Lascia un Commento

*