Il cuore di Marco è rimasto su quel binario

Dalle lamiere di quei treni accartocciati emergono le prime storie. Storie che parlano di vite spezzate come quella di Jolanda morta mentre andava a trovare il suo fidanzato a Bari.

++ Scontro tra treni: decine feriti, alcune vittime ++È ancora tanta la rabbia. In Puglia come nel resto dell’Italia. Una rabbia dovuta a quell’incidente assurdo che ha spezzato all’improvviso vite innocenti. Ma ora è già tempo di piangere i propri morti. E da quel groviglio di lamiere e dolore emergono le prime storie di quei pendolari. Di quei viaggiatori ignari del destino che li attendeva sul binario della tratta Corato-Andria delle Ferrovie del Nord Barese.
Dal primissimo mattino di mercoledì 13 luglio la camera mortuaria del Policlinico di Bari ha convogliato quella rabbia mista a disperazione e dolore di chi è stato chiamato a riconoscere i propri cari. In quel luogo che sa di morte entrano così donne e uomini, giovani e vecchi. Tutti con il difficile e straziante compito di riconoscere i loro cari.

RICONOSCIMENTO DOLOROSO
È toccato anche a Marco Cirone. A sorreggerlo c’è la mamma. Anche lei sconvolta. Anche lei scossa da quei singhiozzi improvvisi di chi ha perso molto in quel terribile scontro. Marco si trovava là per un ultimo saluto. Per vedere quella persona che amava e con cui sognava di creare qualcosa di grande. Perché in una cella dell’obitorio del Policlinico di Bari c’è anche lei, la sua Jolanda. È stato chiamato non appena i genitori della ragazza venticinquenne non sono riusciti nemmeno a entrare nella camera mortuaria. Troppo il dolore.
Jolanda Inchingolo viveva ad Andria ma spesso si recava a Bari per andare a trovare Marco. Anche martedì era partita per questo. Il destino l’ha poi messa su quel treno maledetto perché l’intenzione era quello di prendere il convoglio successivo. «Stava seduta nel primo vagone, ci hanno detto che almeno non si è accorta di niente, il viso era composto, sereno», ha raccontato uno dei tre che hanno dovuto riconoscerla insieme a Marco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Top news Argomenti: Data: 13-07-2016 04:16 PM


Lascia un Commento

*