Lei si trucca, lui ripara: ancora?

di Giulia Mengolini
La cassetta degli attrezzi? Trucchi da una parte, utensili dall'altra. L'ultima pubblicità di Lycia, zeppa di stereotipi di genere, fa discutere. Fino a spingere l'azienda a scusarsi.

lyciaLei nel riquadro rigorosamente rosa. Lui nel riquadro rigorosamente azzurro.
Lei circondata da spazzole per capelli, smalti e trucchi. Lui da trapani, chiavi inglesi e pinze da lavoro. Sono le «cassette degli attrezzi» per gli uomini e per le donne secondo Lycia, l’azienda che si occupa di prodotti di igiene personale e benessere. Una rappresentazione di genere completamente colma di stereotipi di genere triste e scoraggiante che nel 2016 lascia a dir poco perplessi. E che su Facebook, dove il brand ha postato la pubblicità, ha scatenato centinaia di commenti furiosi da parte dei consumatori di Lycia.

COMMENTI SARCASTICI
«Quando cercherò di piantare un chiodo usando il mascara, vi farò causa», scrive una ragazza. «Lycia attenzione, vi siete dimenticati la cucina dalla parte delle femminucce e il pallone da calcio per i maschietti. Ridicoli», commenta un utente. E ancora: «Gli Anni ’50 sono finiti, fatevene una ragione e cambiate le persone che curano la vostra pubblicità». Oppure: «Quindi se incontro un ragazzo che usa spazzola e phon mi devo preoccupare? Spero si sentano offesi anche gli uomini da questa ghettizzazione».

MARCIA INDIETRO
Dopo diversi giorni di polemiche sui social, su Facebook sono arrivate le scuse dell’azienda. «Siamo molto dispiaciuti per le critiche suscitate dal nostro post. Non era nostra intenzione offendere nessuno, anzi volevamo ottenere l’effetto opposto: fare ironia con leggerezza sui luoghi comuni e gli stereotipi di genere, proprio per esorcizzarli. Come fatto negli altri post similari: è evidente che non siamo stati chiari nell’intento e questo ci dispiace. Per noi non c’è nulla che una donna (o un uomo) non possa o non debba fare. Consideriamo tutti i commenti ricevuti come uno stimolo a migliorare»

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: Data: 29-06-2016 07:37 PM


Lascia un Commento

*