Ora tocca al braccio destro di Beppe

Sala ha annunciato la sua autosospensione da sindaco di Milano. Il compito di guidare la giunta comunale va ad Anna Scavuzzo, sua vice e renziana di ferro. Ecco chi è.

anna scavuzzoAppena insediatosi a Palazzo Marino, Beppe Sala aveva assegnato ad Anna Scavuzzo, consigliera comunale già con Giuseppe Pisapia, il ruolo di vicesindaco, con delega all’Istruzione. Sarà quindi lei a sostituire Beppe Sala che, iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla piastra Expo in quanto amministratore delegato dell’evento, ha annunciato la sua autosospensione dal ruolo di sindaco a partire da venerdì 16 dicembre. Ecco chi è.

DALLA LISTA CIVICA AL PD
Classe 1976
, Anna Scavuzzo è laureata in fisica a indirizzo ambientale ed è un’insegnante. Nel 2013 ha lasciato Rete Civica Milano, con cui era stata eletta in consiglio comunale, per trasferirsi nel gruppo consiliare del Pd, diventando una delle principali sostenitrici della candidatura dell’attuale presidente del Consiglio Matteo Renzi alle primarie democratiche. Nominata assessora all’istruzione oltre che vicesindaco, Scavuzzo è attualmente anche consigliera d’amministrazione del Parco Agricolo Sud Milano, per nomina della Città metropolitana. Esperta di informatica, ha lavorato nell’ambito delle tecnologie informatiche applicate, prima in una fondazione di partecipazione e poi in una società di un grande gruppo editoriale.

anna scavuzzoUN PASSATO DA SCOUT
Cresciuta nell’ambiente scout di Agesci, Anna Scavuzzo si dedica con passione al volontariato per il servizio educativo. Nella biografia pubblicata sul sito ufficiale del Comune di Milano dice di essere molto affezionata a Sarajevo e a tutta la Bosnia Erzegovina, mentre per quanto riguarda la sua città afferma di essere legata alla multietnica via Padova, «luogo di incontro e di mescolanza, che merita di essere valorizzato per le sue opportunità e le sue ricchezze», anche se vive con il marito Stefano nel quartiere di Lambrate. Per Scavuzzo la nomina a vicesindaco è una sorta di rivincita: nel 2015 era stata infatti candidata alla stessa carica, ma le era stata poi preferita Maria Grazia Guida, direttrice della Casa della Carità della Caritas ambrosiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 16-12-2016 03:10 PM


Una risposta a “Ora tocca al braccio destro di Beppe”

  1. Pierluigi Fiorentini scrive:

    io leggo “dalla lista civica al comune di Milano” io sostituirei o aggiungerei questa precisazione “dalla Rete Civica al Comune di Milano”.
    Che cos’è la Rete Civica? è una rete nata tanti anni fa prima ancora che si diffondesse internet. Era una grande chat dove ci si conosceva virtualmente ma si faceva cultura e soprattutto si parlava di Milano. Per me Anna è sempre stata una grande amica e mi sento emozionato sapere che una ragazza che conoscevo diversi anni fa e stentavo a corteggiarla per la mia grande timidezza. Con lei ho collaborato a una grande iniziativa: quella della Festa di RCM. Mi sento onorato di essere stato amico di questa splendida ragazza che devo dire ha volato veramente in alto.

Lascia un Commento

*