La ragazza che sussurrava a Trump

I quotidiani americani ne parlano con insistenza e la cosa non sorprende. Si tratta di Hope Hicks che, appena 27enne, ha curato con successo la comunicazione del nuovo Presidente degli Stati Uniti.

hope hicksSe Donald Trump è diventato il 45esimo Presidente degli Stati Uniti, lo deve anche a lei: parliamo di Hope Hicks che, a soltanto 27 anni, è stata la responsabile della comunicazione del controverso imprenditore durante la campagna elettorale. Un cliente difficile da imbrigliare, ma da cui Hicks, che già nei mesi scorsi aveva attirato l’attenzione dei media per la sua giovane età, è riuscita a tirar fuori il meglio. Conosciamola meglio.

TRA SPORT E MODA
Nata e cresciuta a Greenwich, nel Connecticut, ha passato la sua infanzia dedicandosi al nuoto, al golf e al lacrosse, uno sport di squadra popolare negli Stati Uniti. Da adolescente, riporta il New York Times, notata durante un concorso organizzato da Ralph Lauren, è riuscita a firmare un contratto con l’agenzia Ford Model Management.

PRIMI PASSI IN POLITICA
In seguito, durante un’apparizione sul canale per bambini Nickelodeon ha conosciuto l’attore Alec Baldlwin che l’ha presentata al suo addetto stampa, Matthew Hiltzik. Quest’ultimo, che lavorava ugualmente per conto di Ivanka Trump, figlia di Donald, l’ha assunta immediatamente.

L’INCONTRO CON TRUMP
Da figlia a padre il passo è breve, e infatti un paio di anni dopo la Hicks ha conosciuto il candidato repubblicano e ha iniziato a gestirne il rapporto con i media. Secondo GQ il suo compito, nello specifico, sarebbe quello di tenere i giornalisti a distanza e gestire le situazioni di crisi. Una cronista dice di essere stata offesa con brutti gesti da Trump? Hope corre in soccorso e accusa la ‘vittima’ di essere una bugiarda in cerca di attenzione mediatica.

UN CURRICULUM ‘POVERO’
Di certo, quello della Hicks non è poi un così gran curriculum rispetto alla posizione che occupa. Lo segnala il New York Times, che scrive: «È senza dubbio l’addetto stampa meno qualificato della storia presidenziale. Ma dai giornalisti che coprono la campagna è considerata a volte il Jekyll di Trump».

NELL’OMBRA
La Hope mantiene un atteggiamento discreto: non è presente su Twitter, non va in televisione e preferisce parlare tramite smartphone. Nonostante gli scandali, rimane vicina al suo mentore il quale ha già dichiarato che nel caso in cui dovesse vincere le elezioni, a lei andrebbe senza dubbio un posto di rilievo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , Data: 09-11-2016 05:20 PM


Lascia un Commento

*