Il farmaco abortivo arriva con il drone

In Irlanda del Nord l'aborto è illegale, secondo una legge del 1861. Così un gruppo di attivisti ha organizzato una singolare protesta, che ha avuto come protagonista un quadricottero.

Vietato confondere Repubblica d’Irlanda e Irlanda del Nord: se i due Paesi si estendono sulla la stessa isola (l’Irlanda, appunto) e nello sport gareggiano con i medesimi colori, su una cosa viaggiano su binari opposti: l’aborto. A Belfast e dintorni, infatti è una pratica illegale e le donne nordirlandesi alle prese con gravidanze indesiderate, in base alla legge attuale risalente al 1861, rischiano addirittura l’ergastolo se vi ricorrono. Vietato anche l’uso di farmaci abortivi, permessi invece nella cattolicissima Irlanda. Inoltre, il colmo è che nel resto del Regno Unito, cioè in Inghilterra, Galles e Scozia, l’aborto è considerato legale entro 24 settimane dall’inizio della gravidanza, limite che può anche essere infranto in caso di rischi per la salute della donna.

Un momento della manifestazione pro-aborto a Belfast, tenutasi ad aprile.

Un momento della manifestazione pro-aborto a Belfast, tenutasi ad aprile.

Così, un gruppo di attivisti irlandesi ha fatto volare dalla città di confine di Omeath un drone che pochi minuti dopo è atterrato in Irlanda del Nord, per la precisione a Narrow Water Castle, portando con sé alcune dosi di farmaci abortivi chiamati Mifepristone e Misoprostol. La protesta a mezzo quadricottero arriva a pochi mesi dal processo contro una ragazzina di 21 anni di Belfast che, impossibilitata a viaggiare fuori dal Paese per abortire legalmente, per abortire aveva acquistato online e ingerito alcuni farmaci. «Siamo qui per dire che siamo pronte a tutto, anche a infrangere la legge, per portare questi farmaci alle donne che ne hanno bisogno», ha spiegato Courtney, una delle attiviste, 18enne con un aborto alle spalle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , Data: 23-06-2016 03:53 PM


Lascia un Commento

*