La laburista che amava la Siria

La laurea a Cambridge, due figli e una chiatta sul Tamigi come casa. La passione per le arrampicate e l'impegno per i diritti umani. Ecco chi era Jo Cox, la deputata inglese uccisa a colpi di pistola.

jo coxLa parlamentare inglese Jo Cox è morta dopo essere stata pugnalata e ferita con colpi d’arma da fuoco mentre si trovava nella biblioteca di Birstall, nel nord del Paese. Inutile il trasporto in eliambulanza all’ospedale di Leeds. Il killer è un 54enne che, prima di aggredirla, avrebbe urlato «Britain First». L’espressione, oltre a voler dire ‘Prima la Gran Bretagna’, è anche il nome di un partito nazionalista e di estrema destra fondato nel 2011, nato dalle ceneri del British National Party e famoso per le campagne contro immigrazione e islamizzazione del Regno Unito.

UNA CASA GALLEGGIANTE
Helen Joanne ‘Jo’ Cox era nata a Batley, nello Yorkshire, il 22 giugno 1974. Aveva due figli ed era sposata con Brendan, ex dirigente di Save The Children. Viveva con la famiglia in una chiatta convertita, ancorata sul Tamigi nei pressi del Tower Bridge, ed era appassionata di arrampicate. Laureata a Cambridge nel 1995, era alla prima legislatura da deputata laburista alla Camera dei Comuni ed era nota da tempo per l’impegno nel campo dei diritti umani. Nel suo curriculum figuravano infatti un ruolo da dirigente di Oxfam, Ong specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo, e di Freedom Fund, fondo privato internazionale impegnato contro il fenomeno della schiavitù.

TRA MEDIO ORIENTE E BREXIT
Come parlamentare, si era occupata più volte della conflitto in Siria: nell’ottobre del 2015 aveva scritto, insieme al conservatore Andrew Mitchell, un articolo per l’Observer in cui sosteneva che l’esercito britannico dovessero contribuire a raggiungere una soluzione etica alla guerra, creando poi con un’iniziativa bipartisan il gruppo parlamentare All Party Parliamentary Friends of Syria, astenendosi poi dal voto che doveva avallare o meno l’intervento delle truppe in Medio Oriente. Sull’imminente referendum Brexit, Jo Cox si era schierata per il sì nel fronte del ‘Remain‘, ovvero per la permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea. E proprio questo potrebbe aver scatenato la folle aggressione di cui è stata vittima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: Data: 16-06-2016 04:52 PM


Lascia un Commento

*