Vivo per miracolo

Angel Colon è tra i feriti della strage di Orlando. Omar Mateen gli ha sparato cinque volte. Il killer credeva di averlo colpito alla testa e si è salvato fingendosi morto.

angel colonIn una conferenza stampa presso l’Orlando Regional Medical Center, uno dei sopravvissuti alla strage del Pulse ha raccontato come è riuscito a salvarsi dalla follia omicida di Omar Mateen. Circondato dalla famiglia, dagli amici e dal personale dell’ospedale, Angel Colon ha fornito una toccante testimonianza di quella notte maledetta. Dopo la prima raffica di mitra tutti hanno iniziato a correre e lui, che era stato colpito alla gamba da tre proiettili, è stato travolto dalla folla. In molti sono riusciti a scappare perché il killer è andato prima in un’altra sala, ma non lui. Fermo a terra: «Quando è tornato indietro e ha sparato ai ragazzi già morti per assicurarsi che non fossero più vivi. Quando ha finito la ragazza accanto a me ho pensato ‘sono il prossimo, morirò», ha raccontato.

angel colonALTRI DUE COLPI
A questo punto Omar Mateen gli ha sparato altre due volte, mirando alla testa ma colpendolo prima alla mano e poi all’anca: «Ho cercato di rimanere immobile, così che non sapesse che ero vivo. Ho continuato a stare fermo, mentre lui sparava per tutto il locale». Le raffiche sono continuate, ha raccontato Angel, fino a quando la polizia non è entrata al Pulse, tre ore dopo l’inizio del massacro: «Un agente mi ha trascinato fuori e, visto che il pavimento era pieno di vetri rotti, mi sono tagliato la schiena e le gambe». Il ragazzo ha anche una gamba fratturata e per ora è costretto a usare la sedia a rotelle ma, ha aggiunto, più che il dolore sente ancora su di sé il sangue delle vittime di questa assurda strage.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Top news Argomenti: , , Data: 15-06-2016 07:45 PM


Lascia un Commento

*