«Le donne senza velo causano siccità»

Il religioso sciita Seyyed Youssef Tabatabi-nejad, ha affermato che il fiume Zayandeh-rud, è arido perché le iraniane, incoraggiate dai social network, hanno preso l'abitudine a vestire in modo 'immorale'.

imamDurante la preghiera del venerdì, il religioso sciita Seyyed Youssef Tabatabi-nejad, imam di Isfahan, ha affermato che l’aridità del Zayandeh-rud, il più grande fiume dell’Iran centrale, dipende dalle donne che vestono in modo ‘immorale’.

«IL FIUME È ASCIUTTO PER COLPA DELLE DONNE SENZA VELO»
In molte, infatti, hanno preso l’abitudine a fotografarsi senza velo e postare gli scatti sui social. «Il mio ufficio ha ricevuto immagini di donne accanto al letto asciutto dello Zayandeh-rud vestite come se fossero in Europa», ha affermato il religioso. Aggiugendo che «sono questo genere di cose a prosciugare ulteriormente il fiume». Sulla questione, l’imam ha chiesto l’intervento del Governo contro le reti sociali che porterebbero le donne su strade sbagliate. «Se vediamo un peccato è inutile solamente discuterne. La polizia deve usare le sue forze ed eseguire operazioni per sradicarlo», ha aggiunto Tabatabi.

L’INIZIATIVA
L’iniziativa contro cui si scaglia l’imam è la campagna lanciata sul web dal blog My Stealthy freedom (creata dalla giornalista iraniana Masih Alinejad), che invita le donne a farsi fotografare senza hijab suggerendo loro anche di travestirsi da uomo per sfuggire alla legge dello Stato. «Siamo accusate di un altro disastro naturale. Pare che chi governa l’Iran abbia deciso di gettare l’onta della propria incompetenza e della propria incapacità di governo sulle donne», è stata la risposta del blog.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 13-06-2016 07:15 PM


Lascia un Commento

*