Una nuova famiglia per Favour

La bimba nigeriana sbarcata a Lampedusa dopo aver perso la madre durante il viaggio dalla Libia, è stata affidata a una coppia di Palermo selezionata da giudici e psicologi.

favour bimba amore lampedusaMolti ricordano sicuramente Favour, la bimba nigeriana sbarcata a Lampedusa dopo aver perso la madre durante il viaggio dalla Libia. Ha soltanto nove mesi e, fin dal suo arrivo, è riuscita, con il suo viso da bambolina, a far commuovere tutta Italia. Da ogni parte del Paese, infatti, sono subito arrivate richieste di adozione.

AFFIDATA A UNA COPPIA DI PALERMO
Alla fine è stata affidata a una coppia di Palermo selezionata da giudici e psicologi che da mesi si erano resi disponibili ad accogliere un bambino in difficoltà, di qualunque sesso e colore. Il procuratore dei minori Amalia Settineri ha imposto assoluto riserbo, per tutelare la famiglia dalla curiosità dei vicini e non solo.

«DOBBIAMO ATTENDERE LA COMPARSA DI EVENTUALI PARENTI»
Una mamma e un papà entusiasti di avere finalmente la piccola con sé ma comprensibilmente spaventati dall’idea del distacco: la bimba, infatti, non è stata data in adozione, ma in affido, in quanto lo stato di abbandono non è stato verificato. La madre è morta, sì, ma non si sa ancora nulla del padre: «Noi abbiamo l’obbligo di attendere l’eventuale comparsa sulla scena di parenti della piccola Favour. Controllando eventuali soggetti che possono essere significativamente legati ala bimba, come facciamo sempre», ha affermato la Settineri. E ha aggiunto: «L’anno scorso ne abbiamo avuti cinque, arrivati da soli a Lampedusa. Allevati in un centro della provincia di Agrigento, siamo riusciti a farli ricongiungere con i genitori siriani trovati, attraverso l’esame del Dna, a Malta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , , Data: 07-06-2016 02:20 PM


Lascia un Commento

*