Brasile e Argentina, insieme contro la violenza

Nei due Paesi sono troppe le donne vittime di abusi da parte degli uomini. E in Sud America ci sono i tassi di femminicidio più alti del mondo. Il 3 giugno è il giorno della protesta.

brasile protesteUno stupro di gruppo di una 16enne e un omicidio di una 14enne incinta hanno unito, almeno per una volta, Brasile e Argentina. Il 3 giugno, infatti, nei due Paesi sono state organizzate manifestazioni di piazza contro la violenza sulle donne, un problema comune ai due ‘giganti’ del Sud America. E, anche se si tratta più di una coincidenza che di una protesta coordinata, la speranza è che possa far cambiare le cose in una società fortemente maschilista, dove la violenza è all’ordine del giorno e i maltrattamenti rimangono nascosti, come la polvere sotto il tappeto.

brasile protesteBRASILE, UN PAESE VIOLENTO
Il caso della ragazza che a Rio de Janeiro è stata drogata e violentata da una trentina di uomini ha fatto il giro del mondo, anche grazie ai video postati da alcuni degli stupratori sui social network: è questo l’aspetto più sconvolgente. Centinaia di persone hanno infatti messo ‘mi piace‘ ai filmati, dove si vedeva la vittima in stato di incoscienza, prima che fossero rimossi da Twitter. In molti avevano fatto in tempo a far notare come la ragazza si fosse meritata lo stupro per come si era vestita, o perché aveva fatto uso di droghe. Ma anche perché ha avuto un figlio a 14 anni o il suo ragazzo (che avrebbe partecipato alla violenza) fa parte di una gang criminale attiva nel Morro do Barão, la favela dove è successo il fatto. Come se esistessero dei motivi per giustificare qualcosa del genere. Ora la sua famiglia ha paura di ritorsioni e ora sarà costretta a trasferirsi in un’altra zona di Rio. Intervistata dai media brasiliani, la 16enne ha raccontato inoltre che inizialmente la polizia non l’ha presa sul serio, facendo anche qualche battuta sull’accaduto. E, cosa più assurda, il quotidiano che per primo ha dato la notizia, ha dovuto spiegare i motivi per cui questo caso è da considerarsi stupro. Secondo alcune ricerche, almeno il 7,5% delle donne brasiliane è stata vittima di violenza sessuale. Il gigante sudamericano ha anche la quinta più alta percentuale di femminicidi al mondo: le cause sono molteplici, da ricercare in una società molto violenta in generale, dove è la presenza del crimine organizzato è forte, così come il traffico di esseri umani. Inoltre, la giustizia non punisce abbastanza gli uomini che uccidono le donne e anche i casi di violenze domestiche raramente finiscono in tribunale. E per le strade si parla apertamente di ‘cultura dello stupro’.

argentina protesteCHIARA E L’EFFETTO WANDA TADDEI
Il ‘macho’ non rispetta la donna? L’impressione è questa, considerando che negli ultimi 12 mesi ci sono state proteste in Brasile, Argentina, Bolivia, Colombia e, allargando all’America Latina, anche in Messico. A Buenos Aires e in tante altre città sono state organizzate manifestazioni per il 3 giugno dopo l’omicidio della 14enne Chiara Paez che, incinta, è stata, uccisa e sotterrata nel giardino dal suo ragazzo a Rufino, nella provincia di Santa Fe. Ma anche in Argentina la violenza è un’emergenza sociale: nel 2015 sarebbero state 286 le le donne uccise da un uomo, che nel 49% dei casi era l’ex partner e nel 30% l’attuale. In caso di violenze domestiche, uno dei principali problemi è che le persone preferiscono far finta di niente, fingere che non stia accadendo niente. Delle 57 mila denunce pervenute alla polizia negli ultimi sei anni, infatti, solo 22 sono state fatte da vicini di casa di una coppia dove c’era una realtà di abusi, anche quotidiani. Non solo. Facendo un collegamento a un triste e recente caso di cronaca nera italiana, quello di Sara Di Pietrantonio, in Argentina esiste il fenomeno chiamato ‘efecto Wanda Taddei‘, dal nome della donna che nel 2010 morì bruciata viva dal marito Eduardo Arturo Vázquez, un musicista argentino. Nei primi tre anni successivi all’omicidio, 132 donne argentina morirono in questo modo e, ancora oggi, in Argentina non è così raro che gli uomini diano fuoco alle donne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 03-06-2016 06:13 PM


Lascia un Commento

*