Chi tocca il chiodo di Selvaggia muore

di Giusy Gullo
La Lucarelli attacca sul suo profilo Facebook le 'fashion blogger', rispondendo ad alcune critiche ricevute su un post precedente. Per l'occasione, l'opinionista fa il consueto riassunto dei suoi successi.

Selvaggia LucarelliTutto ha inizio da Zara. Il popolare ‘chiodo giallo‘ venduto dalla nota catena d’abbigliamento ha, nei giorni scorsi, diviso il web. Si tratta di una giacca color senape in pelle sintetica, amata da alcune ragazze, ma criticata da molte altre: è stata anche aperta una pagina Tumblr, «Tipe col chiodo giallo di Zara», per prendere in giro le giovani che lo indossano (di profili simili, sui più svariati temi, è pieno il web).

SELVAGGIA INDOSSA IL ‘CHIODO GIALLO’
Selvaggia Lucarelli
si è subito gettata sulla polemica. Come? Comprando un modello del capo di abbigliamento ‘incriminato’, indossandolo, e postando la foto sui social con commento: «Leggo che è pieno di fashion blogger e snobbette varie che schifano il chiodo giallo di Zara. Bene, me lo sono comprata». La provocazione non ha lasciato indifferenti le ‘seguaci’ della giornalista, molte delle quali non hanno risposto in modo troppo tenero al post. Così, Selvaggia, ha a sua volta replicato agli attacchi con un altro scritto, tutto dedicato alle «sedicenti fashion blogger o sedicenti influencer seguite da 4 gatti che continuano a offendere».

SELVAGGIA RICORDA I SUCCESSI
Nel messaggio, condiviso su Facebook, la Lucarelli si è sfogata accusando le ragazze di non far nulla, e ha trovato spazio, ovviamente, per fare il consueto riassunto ai followers (a cadenza più o meno mensile), di tutte le sue virtù. Così (per l’ennesima volta) scopriamo che: Selvaggia è nata intellettuale e a 20 anni, invece di pensare agli outfit, leggeva e viaggiava (una birretta con gli amici no?). Selvaggia, può permettersi anche un vestito da 2000 euro. Ma preferisce andare in India. Le fashion blogger, invece (e non solo loro, ndr), saranno per sempre «COSTRETTE A COMPRARE DA ZARA». Scopriamo anche che la Lucarelli, che, per chi scrive, è indubbiamente bella, brava e perfettamente integrata sui social, augura alle ragazzine che (spesso per immaturità o infantilismo) ne attaccano lo stile e le lasciano un commento idiota, di restare disoccupate per sempre.

LA RETORICA VINCE SEMPRE
Ma perché tutta questa rabbia? Sicuramente, dopo anni di vita social, Selvaggia è ben consapevole che online tutti possono dire ciò che vogliono: tanti, in un modo o nell’altro (non è la parolaccia a fare la differenza), offendono (anche lei) e altrettanti sono vittime di offese. Niente di insuperabile, tranne, ovviamente, in casi gravi. Quindi perché un attacco così aggressivo? Probabilmente, Selvaggia, aveva voglia di fare un po’ più rumore del solito. E si sa, con un po’ di retorica spicciola, sul web, il ‘like’, si strappa facile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 31-05-2016 05:43 PM


Lascia un Commento

*