Kim, Rihanna e Cara sono dannose per la salute

Secondo la psicologa Tanya Byron sempre più giovani hanno problemi alimentari e mostrano comportamenti autolesionisti. Il motivo? Gli autoscatti delle star che offrono falsi modelli di vita ai fan.

kim kardashianI selfie sexy delle star? Danneggiano le giovani fan. L’allarme è stato lanciato da Tanya Byron, psicologa, scrittrice e personaggio televisivo, durante una tavola rotonda al Vogue Festivla intitolata Your Social Media: What’s Real Now. Una moda che sta raccogliendo sempre più proseliti tra i tanti personaggi dello spettaccolo che propongono, quasi giornalmente, pose studiate in abiti succinti. Un po’ come quelli che compaiono spesso sulle bacheche di Kim Kardashian, Rihanna,  Beyoncé e Cara Delevingne, tanto per citarne alcune.

MORTE DEL FEMMINISMO
Secondo la Byron questa selfie mania starebbe producendo un effetto del tutto negativo sulle ragazze. «Il femminismo è ormai morto», ha annunciato. Ucciso da quegli autoscatti che rendono il corpo della donna un oggetto privato di tutto il suo mistero. «Quello che mi spaventa di più è la pressione crescente esercitata sulle donne. Quando guardi queste immagini ti rendi conto che sono apertamente a sfondo sessuale e il loro pubblico maggiore è composto da ragazzine sotto i 16 anni». Il messaggio che passa, secondo la psicologa, è quindi completamente sbagliato.

SGUARDO CANDIDO
Non è un mistero che le celebrità siano letteralmente ossessionate dai social. Ogni giorno, infatti, i loro profili traboccano di immagini, spesso modificate, che danno l’illusione ai tanti follower di una dimensione privata decisamente poco comune. Una quotidianità fatta sempre di lustrini e apparenze. Molte fan non si rendono conto della falsità che si nasconde dietro queste immagini e finiscono in una spirale di depressione e di disordini alimentari dovuta all’impossibilità di replicare quei modelli finti-perfetti. «Penso che l’aumento di comportamenti autolesionisti e di disordini alimentari sia dovuto al problema della cura delle immagini online. È un rischio che sta arrecando gravissimi danni, anche nei ragazzi», ha concluso Tanya Byron.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 24-05-2016 03:50 PM


Lascia un Commento

*