Sedotti e giustiziati

Durante la Seconda guerra mondiale alcune giovani olandesi promettevano incontri intimi agli uomini del Terzo Reich. Portandoli in realtà in un bosco isolato. Dove li uccidevano.

Freddie_Dekker-Oversteegen_en_Truus_Menger-Oversteegen«Ti va di fare due passi insieme?». Una frase semplicissima, con cui alcune ragazzine olandesi, durante la Seconda guerra mondiale, abbordavano gli ufficiali nazisti. Alludendo, evidentemente, ad appuntamenti intimi. Che, però, per i soldati del Reich si trasformavano in agguati mortali. Perché quelle ragazzine, sedicenni o poco più, facevano parte della Resistenza. E la combattevano con le armi della seduzione e della femminilità.

ADDESTRATE A SPARARE
Hannie Schaft, uccisa poco tempo prima che la guerra finisse, rimane la più famosa, ma al suo fianco c’erano anche le sorelle Oversteegen, Freddie e Truus. Sulle loro vicende il regista Thijs Zeeman ha realizzato un documentario, mentre Vice ha intervistato proprio Freddie, che ha raccontato come iniziò il loro ruolo nella Resistenza olandese: «L’uomo che era venuto a proporcelo ci aveva detto che avremmo ricevuto un addestramento militare, che ci avrebbero insegnato delle cose. Ed è stato così: ci hanno insegnato a sparare e a marciare nei boschi». La lotta ai tedeschi non veniva combattuta solo nei boschi, però, ma anche nelle proprie abitazioni: «Nascondevamo dei profughi lituani. E durante la guerra in casa nostra c’era una coppia di ebrei».

SUPERARE IL TRAUMA
Freddie ricorda ancora la prima missione: «Un pezzo grosso nazista è stato ucciso in quello stesso bosco ed è stato sepolto sul posto». Ad attirarlo era stata sua sorella Truus, che l’aveva conosciuto a un ristorante, seducendolo e invitandolo a seguirla. Lì, i membri della Resistenza olandese avevano fatto fuoco, uccidendo il soldato tedesco e togliendogli vestiti ed effetti personali per renderlo non identificabile. Freddie ha poi spiegato come è riuscita a superare il trauma della guerra: «Sposandomi e facendo dei figli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , Data: 16-05-2016 04:16 PM


Lascia un Commento

*