La pasta? In 3D

Tutto quello che c'è da sapere su Cibus, in programma a Parma fino al 12 maggio.

cibus 2016Un’area espositiva di 130 mila quadrati, 70 mila visitatori e 3 mila espositori. Sono solo alcuni dei numeri da record, o quasi, della 18esima edizione di Cibus, il Salone internazionale dell’alimentazione dove dal 9 al 12 maggio le eccellenze italiane trovano un’importante vetrina per poter conquistare, con i sapori della tradizione, le tavole di tutto il mondo. Ma se c’è un tema su cui gli espositori quest’anno hanno deciso di puntare, è sicuramente quello dell’innovazione.

VEGAN E KOSHER
L’offerta di Cibus, che si tiene a Parma, riflette i trend attuali. I consumatori, ormai, pensano prima di tutto a nutrirsi in maniera sana ed equilibrata: grande spazio, dunque, al biologico, ma anche a tutti quei prodotti pensati per chi soffre di celiachia o intolleranze. Non può mancare l’offerta rivolta ai vegani. Analogamente, anche i consumatori di cibi certificati halal/kosher sono in crescita.

cibus2016_itaSMARTFOOD
Gli espositori hanno anche accolto la sfida di coniugare un mondo tradizionale come quello della cucina e dell’alimentazione con le sfide hi-tech. Ecco, dunque, che gli smartphone diventano uno strumento per veicolare numerose informazioni sugli alimenti presenti sugli scaffali. Il cibo del futuro, invece, punta sulla lunga conservazione (come il mascarpone Granarolo che dura nove mesi) o su nuovi mezzi di produzione: uno su tutti, la stampante 3D per la pasta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 09-05-2016 10:47 AM


Lascia un Commento

*