La campionessa ha più di 100 anni

Ida Keeling è la over 95 più veloce al mondo. La nonna dei record ha avuto una vita durissima, tra ristrettezze economiche e lutti in famiglia. Ma non si è mai arresa.

Ida Keeling, nonna sprint da recordUn minuto e 17 è tutt’altro che un ottimo tempo sui 100 metri, ma la prospettiva cambia se l’atleta che l’ha fatto registrare è una donna di quasi 101 anni. L’arzilla vecchietta si chiama Ida Keeling e sabato 30 aprile a Philadelphia ha partecipato a una corsa dedicata agli over 80, infrangendo il record del mondo per le donne over 100, anche se è arrivata ultima tra i partecipanti. Finita la gara, ha fatto un paio di piegamenti e salutato la folla in visibilio per lei. Poi ha parlato con la Nbc: «Forse sono riuscita a fare il record proprio grazie all’incitamento del pubblico. Il mio consiglio per tutti? Amate voi stessi. Mangiate per stare bene, non per il gusto di farlo. E fate esercizio fisico almeno una volta al giorno».

IL VALORE DEI SUOI RECORD
La storia ha fatto il giro del mondo e anche il New York Times ha dedicato un servizio a Ida per provare a scoprire il segreto della sua longevità. I successi di questa donna hanno ancor più valore, considerando quanto è stata dura la vita per lei, uno scricciolo di un metro e 40 per 40 chili di peso che, nata ad Harlem il 5 maggio 1915, ha sempre abitato a Manhattan. Dopo aver perso la madre da bambina, ha vissuto le ristrettezze della Grande Depressione, durante la quale il padre, che aveva un negozio di alimentari, era stato costretto a ripiegare su una bancarella. Rimasta vedova a 42 anni, quando il marito è stato colpito da un infarto, Ida ha lavorato in una fabbrica per mantenere la famiglia ma non ha potuto evitare la morte prematura di due dei suoi quattro figli che, tossicodipendenti, sono stati uccisi tra il 1979 e il 1981 per questioni legati allo spaccio: «Mai provato un dolore così forte».

Ida Keeling, nonna sprint da recordLA FORZA DI RICOMINCIARE
Ida era caduta in depressione ma si è rialzata quando la figlia Shelley, un avvocato che ha insegnato ginnastica in una scuola, l’ha convinta a mettere la scarpe da corsa. A 67 anni ha fatto la prima gara a Brooklyn, tagliando il traguardo prima della figlia, e da allora non è più fermata: «Il tempo va avanti e io faccio lo stesso». Ida non ha nascosto di avere qualche problema di artrite, ma ha anche aggiunto che, se già da ragazza era veloce, adesso ha il vantaggio che «gli altri hanno rallentato». Il suo segreto? La genetica, ma anche il fatto di continuare a fare vita attiva: «Si vedono tante persone anziane che stanno sempre sedute. Io lavo, cucino, stiro, pulisco e faccio la spesa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , Data: 02-05-2016 04:32 PM


Lascia un Commento

*