L'eccidio delle mai nate

In India l'aborto selettivo sta assumendo sempre più i connotati di una piaga sociale. Ora, uno studio scientifico canadese, ha evidenziato che il fenomeno si sta diffondendo anche altrove.

donna_incinta_indiaLa pratica dell’aborto selettivo in India è una piaga sociale nota da tempo. Una strage silenziosa che sta lentamente lasciando i confini del Paese, migrando insieme alle future madri. A svelarlo è stato uno studio del St Michael’s Hospital di Toronto (Canada). Grazie all’attenta analisi dei dati su più di un milione di nascite registrate nella provincia dell’Ontario si è notato che le madri indiane con già due figlie femmine partorivano, nel 66% dei casi, un terzo figlio maschio. Dato che sale al 77% dei casi se si prendono in considerazione anche quelle donne indiane con già due figlie che hanno anche avuto uno o più aborti. Insomma ben oltre al 50% delle possibilità offerte in natura.

IL CANADA NON ITERVIENE
Intanto i ricercatori fanno sapere che sarebbe un errore intervenire. Questo perché, secondo gli esperti, si rischierebbe di limitare la libertà delle pazienti. Inoltre il fenomeno sarebbe destinato (forse) a estinguersi del tutto con l’arrivo di immigrate di nuova generazione. Eppure questo, oltre a essere un argomento spinoso, è un eccidio che qualcuno dovrebbe fermare. Anche perché secondo uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista Lancet, negli ultimi 30 anni le bambine indiane mai nate sono state circa 12 milioni.

PRASSI DIFFUSA
E chi crede che questa prassi sia diffusa unicamente tra i ceti più bassi della popolazione si sbaglia di grosso. Questo accade anche tra le classi borghesi del Paese,  portando col tempo a un preoccupante squilibrio demografico con una media nazionale di 918 femmine ogni 1000 maschi. E se molte non vedranno mai la luce, in alcuni casi estremi succede che queste piccole vittime vengano ‘eliminate’ subito dopo il parto. È accaduto a giugno 2013 quando, nel distretto di Dharmapuri, nel sud dell’India, un uomo è stato arrestato per aver dato alla figlia di 22 giorni del latte avvelenato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Top news Argomenti: , , Data: 27-04-2016 03:03 PM


Lascia un Commento

*