Era la «nona meraviglia del mondo»

Così veniva definita la wrestler Joan Marie Laurer, meglio nota come Chyna, trovata morta nella sua casa in California. Sul ring era una leggenda, ma la sua vita privata era stata segnata da patrigni violenti e tossicodipendenza.

Women's World Wide Wrestling Federation member ChyL’hanno trovata senza vita nel suo appartamento di Redondo Beach, California. Uccisa, probabilmente, da una overdose. La 45enne Joan Marie Laurie, meglio nota come Chyna, da giorni non rispondeva alle telefonate del conoscente che ne ha ritrovato il corpo. Si è spenta così, isolata dal mondo, la donna che tra il 1997 e il 2001 si era guadagnata lo status di leggenda nel mondo del wrestling. La prima in assoluto a battersi sul ring contro i colleghi uomini. L’ennesima atleta di uno sport che ha visto troppi lottatori soccombere a una morte prematura.

Celebrities at MTV Video Music Awards in New YorkLEGGENDA DEL WRESTLING
Chyna era entrata nel circuito della WWE nel 1997, dopo aver militato in alcune federazioni minori. Ma, intanto, come confessò poi nella sua autobiografia, la sua vita era già stata provata da un susseguirsi di situazioni difficili. Patrigni violenti, tossicodipendenza, bulimia. Probabile che nelle palestre e nel mondo alternativo del wrestling avesse trovato il modo di allontanare da sé i momenti più crudi del suo passato. La sua presenza scenica e le sue abilità di lottatrice vennero notate da alcuni wrestler professionisti, tra cui Triple H, suo futuro compagno. E nonostante nell’ambiente ci fosse un certo scetticismo sulla possibilità che il pubblico potesse accettare una donna capace di mandare al tappeto gli uomini, alla fine Chyna divenne una delle lottatrici più rispettate e amate dal pubblico.

Adult Video News Awards At The Hard Rock - ArrivalsPORNO E DIPENDENZA
La sua avventura con la WWE si concluse nel 2001. L’anno successivo ebbe una breve esperienza nel wrestling giapponese, ma già nel 2004 aveva deciso di intraprendere una carriera nella pornografia, dopo gli inizi softcore (nel 2000 aveva posato nuda per Playboy), fino ad essere ingaggiata da un colosso della produzione a luci rosse, la Vivid Entertainment. Le ultime sue performance risalgono al 2013, quando prese parte a una parodia pornografica degli Avengers dove interpretava la forzuta She-Hulk. Intanto, però, i problemi di alcolismo e tossicodipendenza si erano intensificati: nel 2008 quello che forse fu l’episodio più grave, quando venne ricoverata priva di sensi e con una serie di tagli sulle braccia. Negli ultimi anni, abbandonato il mondo del porno, si era rappacificata con la sua famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 21-04-2016 12:29 PM


Lascia un Commento

*