Sogni d'oro

di Caterina Belloni
Andate a dormire solo quando siete davvero stanchi, dite addio alla pennichella, eliminate alcol e nicotina prima di coricarvi: tutte le regole da seguire per un sonno più lungo e di qualità.

sonnoLa mancanza di sonno in Gran Bretagna sta diventano un problema di salute nazionale. Perché secondo una recente statistica si dorme mediamente meno di sette ore, quando il desiderio sarebbe di un’ora in più di sonno. Molti, poi, anche in quel poco tempo hanno sogni agitati, risvegli frequenti, lunghi tempi sotto le lenzuola con lo sguardo perso nel buio. Il ministero della Salute ha preso atto dell’allarme e sta cercando di definire soluzioni e suggerire protocolli, anche perché secondo gli esperti molti problemi che devono essere curati da medici e ospedali dipendono dalla mancanza di riposo.
Ma il problema non riguarda certo solo il Regno Unito. Anche in Italia sono moltissime le persone che dormono troppo poco perché non hanno tempo, o che dormono male perché tensioni e stress producono notti insonni. Le conseguenze sono fatica, irritabilità, scarsa concentrazione, un umore cattivo. Perché attraverso il sonno i tessuti del corpo vengono riparati e si producono nel nostro organismo ormoni e proteine che ne agevolano il benessere. Come spiega Eleonora Corvetta, che lavora nel team di Psicologia Londra ed è specializzata in Psicodinamiche dello sviluppo umano e ipnoterapia, oltre ad avere competenze specifiche sui problemi di ansia. A lei abbiamo chiesto di stilare le regole cui attenersi per cercare di dormire meglio e di più.

ANDATE A DORMIRE SOLO QUANDO SIETE STANCHI
Certo conviene fissare un orario per il sonno, da mantenere più o meno fisso durante tutta la settimana, ma deve essere un tempo calcolato sulle vostre esigenze. Non ha senso pensare di andare a dormire a una certa ora perché altri lo fanno. Se non siete stanchi comincerete a girarvi e spazientirvi e a quel punto la qualità del risposo sarà rovinata.

IL LETTO È FATTO PER DORMIRE (O PER IL SESSO)
Gli esperti di Psicologia Londra ne sono convinti. Sotto le coperte non si devono portare computer, telefonini, nemmeno libri. Non bisogna scrivere lette, studiare o telefonare agli amici. Il letto serve per dormire. L’unica altra attività consentita, e che anzi aiuta al rilassamento, è il sesso.

SE NON PRENDETE SONNO IN 15 MINUTI, ALZATEVI
Rimanere a letto svegli per oltre un quarto d’ora significa che non è il vostro momento per il sonno. Se lo fate, alimenterete le tensioni e le preoccupazioni. Meglio alzarsi, sfogliare una rivista o un libro sul divano, ascoltare musica rilassante, bere un bicchiere d’acqua, usare qualche tecnica di respirazione o di liberazione della mente e poi tornarsene a letto quando le palpebre cominciano a calare. Vale all’inizio della nottata, ma anche per i risvegli notturni.

ABOLITE LA PENNICHELLA
Chi ha dormito male non deve cedere alla tentazione del pisolino dopo pranzo. Non servirebbe a ristabilire il suo stato di benessere, ma avrebbe l’effetto opposto di scombinare le abitudini e i tempi del sonno anche per la notte a venire. Anziché buttarsi sul divano conviene uscire e fare una passeggiata. In questo modo, la mente e il corpo verranno sollecitati da sensazioni positive e ci sarà anche il vantaggio di stancarsi un po’ di più.

CONTROLLATE L’AMBIENTE
Per dormire servono condizioni specifiche. Anzitutto bisogna che la camera abbia aria fresca e pulita e il riscaldamento non sia troppo alto. Quanto al letto, le lenzuola vanno cambiate di frequente perché la loro freschezza rende piacevole sdraiarsi, poi il materasso deve essere morbido ma anche sostenere il peso del corpo, il cuscino va scelto con cura. Quanto al resto serve silenzio e, possibilmente, il buio perché ogni fonte di luce finisce per esercitare uno stimolo sulla mente e quindi rende difficile un riposo autentico.

SCONSIGLIATO IL CAFFÈ
Se abbiamo uno stile vita sano, dormire sarà più semplice. Quindi occorre praticare esercizio fisico ma anche tenere d’occhio la dieta. Come? Esistono alcuni accorgimenti interessanti. Anzitutto limitare il caffè prima di andare a dormire. La caffeina è uno stimolante e il suo effetto dura per almeno sei ore. Quindi bisogna tenerne conto quando è sera.

ALCOL E NICOTINA NON RILASSANO
Anche la nicotina delle sigarette ha un effetto eccitante. Molti fumatori sostengono che l’ultima sigaretta prima di andare a dormire li aiuti a rilassarsi, ma secondo gli esperti è esattamente il contrario : il sonno subisce dei contraccolpi.

ATTENTI ALLA DIETA
Infine, conviene limitare la quantità di cibo che si ingerisce prima di andare a letto. Va bene uno spuntino leggero, ma non una cena pantagruelica. Perché il cibo è carburante per il corpo e quindi non aiuta certo a rallentare le nostre energie. In questo senso, si deve fare particolare attenzione agli zuccheri, perché hanno effetto eccitante e generano energia in modo molto rapido.

RICORRETE AI TRUCCHI SCACCIA-STRESS
Se l’ansia delle cose da fare e dei problemi riaffiora prepotente nella vostra mente appena appoggiate la testa sul cuscino, ci sono tre tecniche che si possono usare per liberarsene. Anzitutto lavorare sulla respirazione. Chiudete gli occhi, respirate in profondità, fate in modo che ogni respiro sia più profondo di quello precedente. In secondo luogo cercare il rilassamento progressivo dei muscoli. Si comincia dalle dita dei piedi, tendendole il più possibile e poi rilassandole. Lo stesso meccanismo, di forte tensione e successivo relax, deve riguardare tutti i muscoli, dai piedi risalendo fino al collo e alla testa. Infine, cercate di focalizzarvi su immagini di pace e serenità. A occhi chiusi pensate a un luogo o a un’attività che vi dà piacere e non vi agita e in questo modo i vostri sentimenti positivi dovrebbero prevalere su quelli negativi. In caso nessuna delle tecniche funzioni esiste una quarta via. Alzarsi, scrivere su un foglio ansie e paure, sistemarle sul comò e depositarle fuori di noi. Saranno la prima cosa di cui occuparsi al risveglio, dopo una notte serena che renda più semplice affrontare le cose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 19-04-2016 04:41 PM


Lascia un Commento

*