Amore di mamma

Dopo averlo dato in adozione, una madre incontra il figlio dopo anni. Tra i due scatta la scintilla: prima diventano amanti, poi una coppia di fatto. E adesso vogliono anche un figlio. «Non siamo malati, si tratta di GSA».

Come insegna il Trono di Spade, l’incesto è una cosa che attrae più persone di quante pensiate. L’ultimo caso che è diventato mediatico è quello di Kim West, 51 anni, e suo figlio Ben Ford, 32. Avete letto bene, suo figlio. Kim rimase incinta all’età di 19 anni e, essendo troppo giovane, decise di dare in adozione il bambino. Nel 2014 il bambino in questione, divenuto ormai un uomo sposato, ha deciso di rintracciare i suoi genitori biologici. E ci è riuscito, contattando finalmente la sua vera madre. È iniziata così la storia d’amore tra i due: gli incontri si sono susseguiti sempre con più frequenza, l’intimità tra i due è cresciuta fino ad arrivare al primo bacio e a una notte bollente. Esattamente. I due hanno fatto sesso, e secondo le parole di Ben, non è finita lì: «Dopo l’incontro con mia madre, ogni volta che facevo sesso con mia moglie immaginavo fosse lei, altrimenti non riuscivo a farlo», ha dichiarato il ragazzo al The New Day.

«SIAMO STATI COLPITI DALL’AMORE»
La coppia incestuosa sa bene cosa pensano le persone, ma questo non sembra interessargli: «So che la gente pensa che siamo disgustosi, che dovremmo tenere a freno i nostri sentimenti, ma quando vieni colpito da un amore che ti consuma così tanto, non puoi lasciarlo andare, devi combattere». La coppia ha anche dichiarato di voler avere un figlio insieme, e di essere disposta a ricorrere alla maternità surrogata nel caso non riuscissero ad averlo naturalmente.

«LA GSA NON È UNA MALATTIA»
Anche Kim si è difesa dalle accuse: «Questo non è incesto, è GSA (attrazione sessuale genetica). Siamo come piselli in un baccello, destinati a stare insieme». GSA è il termine che descrive il fenomeno di attrazione sessuale che avviene tra due parenti stretti, che siano fratelli o figli, che si incontrano per la prima volta da adulti. Il termine è stato coniato quasi 30 anni fa dall’americana Barbara Gonyo, che ha scritto un libro a riguardo, I’m his mother, but he’s not my son.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , , , Data: 08-04-2016 07:30 PM


Lascia un Commento

*