Hanno vinto la battaglia contro il cancro

La storia di Rheann, Ainsley e Rylie raccontata a due anni dalla prima foto scattata nel 2014 quando le tre bambine erano malate di tumore. Ora stanno meglio e sono diventate amiche.

8c8e4306-f074-4ad0-9e49-2e4d94623fc8Di cancro si può anche guarire. Il messaggio è chiaro. Soprattutto perché arriva da chi, quella malattia, l’ha sconfitta dopo una lunga battaglia. Testimonial (in)volontari sono così tre bambine che, nonostante la loro giovane età, sono state sottoposte dalla vita a una delle prove più difficili. E pensare che Rheann Franklin (6 anni), Ainsley Peters (4) e Rylie Hughey (3), nemmeno si conoscevano. Ad accomunarle la malattia e il fatto di essere in terapia. I fotografi Lora Scantling e Christy Goodger avevano deciso di immortalarle nell’aprile del 2014. Un progetto di sesibilizzazione che aveva toccato il cuore di migliai di utenti della rete.

997e9a6a-2158-4922-8b4e-2d324b64bc51GUARITE
Nel 2016, dopo due anni da quel primo incontro, i fotografi sono tornati a trovare Rheann, Ainsley e Rylie. Nel tempo le tre bambine sono diventate amiche e hanno continuato a tenersi in contatto mentre combattevano le loro rispettive battaglie. Quando i fotografi le hanno incontrate Rheann aveva appena completato il suo ultimo ciclo di chemioterapia, Ainsley faceva la chemio di mantenimento e Rylie era in remissione da più di un anno. «È stato davvero bello rivederle: sono più alte, le loro guance sono paffute, hanno un aspetto più sano», ha spiegato la fotografa Lora Scantling. Anche perché la situazione pare essere decisamente migliorata: «Rehann purtroppo ha perso in modo permanente i capelli però oggi è in remissione e vive una vita molto attiva. Ama uscire con i compagni di scuola, andare in bicicletta, giocare con le sorelle. Ainsley adesso non fa più la chemio, ma solo le analisi del sangue mensili. Anche Rylie è fuori dall’ospedale: ci torna solo per i controlli ogni tre mesi, ed è tornata a fare sport e a ballare», ha aggiunto.

LEGAME INDISSOLUBILE
Ma a unirle sempre più, oltre la lotta comune al cancro e quella foto scattata nel 2014, anche il legame d’amicizia che, negli anni, si è instaurato tra le tre bambine. «Abbiamo stretto un legame che durerà probabilmente per sempre. I parenti di chi ha il cancro sono un po’ come le vittime di un disastro e tendono a riunirsi il più possibile», ha spiegato Valerie Franklin, la mamma di Rheann. «A volte la vera forza sta nel sapere che non siete soli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , Data: 07-04-2016 01:24 PM


Lascia un Commento

*