«Basta coi seggi nelle scuole»

Oltre al referendum del 17 aprile, a giugno si terranno le elezioni amministrative. I presidi chiedono ad Alfano di trovare altre soluzioni rispetto alle aule: si perdono troppi giorni di lezione.

lezioni scuoleIl referendum del 17 aprile sulle trivelle scontenta proprio tutti. Anche i presidi. Perché, come da tradizione, saranno le aule scolastiche ad ospitare i seggi elettorali. Con la conseguente, probabile sospensione delle lezioni il venerdì e il lunedì. In Emilia Romagna, poi, i dirigenti scolastici sono particolarmente preoccupati perché il ministro degli Interni Angelino Alfano potrebbe fissare le elezioni amministrative per i primi giorni di giugno, in particolare il 5.

MEGLIO LE PALESTRE
La data del 5 giugno non piace nemmeno ai politici, che temono l’effetto ponte con una conseguente ondata di astensionismo. A livello scolastico, gli istituti superiori rischiano grosso, visto che quei giorni sono cruciali per gli scrutini in vista degli imminenti esami di maturità. I presidi propongono dunque di trasferire i seggi nelle palestre, se non addirittura i centri sociali. C’è poi chi dietro queste decisioni ‘dall’alto’ vede una particolare disattenzione nei confronti del diritto allo studio, sacrificato nella caccia al voto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , Data: 05-04-2016 07:56 PM


Lascia un Commento

*