Misteri a luci rosse

di Federico Capra
Quando il porno si tinge di giallo. Da Moana Pozzi a Amber Rayne, passando da Lollipop e Chloe Jones. Ecco le pornostar le cui morti sono ancora avvolte nella nebbia del dubbio.

Moana_Pozzi_3I loro corpi hanno fatto sognare intere generazioni. Le loro morti, invece, sono spesso avvolte da un alone di mistero. Anche perché dietro quella facciata di sessualità disinibita spesso si celano storie difficili. Storie fatte di intrighi e abusi, ossessioni e violenze. Non ultima quella di Amber Rayne. È lei l’ennesima ‘vittima’ di un mondo, quello del porno, che spesso lascia segni indelebili nell’animo e nella mente di chi l’ha frequentato per tanto, a volte forse troppo, tempo. E Amber lo sapeva bene. Conosceva le insidie che si celavano dietro le quinte delle produzioni cinematografiche a luci rosse. Era stata la prima a denunciare le aggressioni subite sui set. All’epoca, a essere accusato di violenza carnale, era stato il collega James Deen. Eppure lei sembrava aver superato anche questo. Almeno sino a sabato 2 aprile 2016 quando il suo corpo è stato ritrovato senza vita nella sfarzoza abitazione che aveva a Los Angeles. Una morte avvolta ancora dal mistero. Una morte causata, secondo le prime ricostruzioni, da una presunta overdose. La 31enne non era comunque sola ma in compagnia di un amico che avrebbe subito chiamato i soccorsi. In casa, però, non sono stati trovati stupefacenti e solo l’autopsia potrebbe risolvere l’ennesimo mistero legato all’hard.

NON LA PRIMA
Ma Amber Rayne non è la prima pornostar a morire in circostanze misteriose. Come non citare allora Moana Pozzi, scomparsa all’età di 33 anni per un presunto carcinoma epatocellulare, o Barbarella, defunta dopo una lunga e mai menzionata malattia. Insomma gli spunti sono tanti e gli enigmi abbondano. Nella gallery ecco le attrici del cinema hard la cui fine non ha convinto proprio tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery, persone, Protagonisti Argomenti: , , , , , , Data: 05-04-2016 05:52 PM


Lascia un Commento

*