«Mi riscopro Ballando»

di Paola Medori
A tu per tu con Asia Argento, una delle concorrenti più amate del talent di Rai Uno: «Le sfide? Amo solo quelle con me stessa. Questo programma mi aiuta a tirare fuori la parte più profonda di me».

FRANCE-FILM-FESTIVAL-CANNESSexy, trasgressiva e danzatrice dark in Ballando con le stelle. Asia Argento, figlia del Maestro del Brivido Dario e dell’attrice Daria Nicolodi, è una delle concorrenti più amate del talent show di Rai Uno. Attrice, scrittrice, fotografa, dj e regista, convince i giurati (a parte la «rompiscatole» Selvaggia Lucarelli), e balla bene. Carisma unico e caratterino non facile da gestire, nel corso delle puntate ha mostrato al pubblico tutta la sua fragilità, sciogliendosi in lacrime davanti al padre, che ha incontrato durante le prove, con cui ha sempre avuto un rapporto contrastato. La ragazza schiva, che scappò di casa a 14 anni e sognava di essere diretta da Roman Polanski, si è trasformata in una donna determinata, vincente e capace di osare oltre ogni limite. Altro che «bad girl» del cinema.

DOMANDA: Perché ha accettato di partecipare a Ballando con le stelle?
RISPOSTA: Accetto solo quelle con me stessa. Mentre non mi piacciono quelle sportive o nel lavoro. In questo caso ho intuito che avrei avuto la possibilità di tirare fuori la parte più profonda di me, quella un po’ sotterrata, che neanche la mia famiglia ricordava più, una parte che né i miei amici né il pubblico hanno mai conosciuto.
D: Nel ballo migliora puntata dopo puntata. È orgogliosa delle sue performance?
R: Sì e no, perché non mi riguardo mai. Ricordo solo le sensazioni che rimangono addosso. Penso sempre di sbagliare, poi però le persone mi dicono che sono andata bene e lo leggo anche negli occhi del pubblico. Mi sembra di aver fatto dei piccoli progressi, anche se non sono diventata certo Carla Fracci.
R: Si è pentita delle risposte che ha dato a bordo pista dopo le performance?
D: A volte mi sono espressa in modo duro contro i giudici e potevo evitarlo. C’è sempre una parte di me pronta a scattare, per proteggersi dalle ingiustizie e dai pregiudizi, che ogni volta mi lasciano sconcertata.
D: Tra i concorrenti con chi è diventata più amica?
R: Ho stretto un ottimo rapporto con l’esplosiva Platinette, ma anche con Margareth Madè e Daniel Nilsson. Tutte persone molto simpatiche e interessanti.
D: L’ospitata di Morgan, che secondo il gossip non vedeva da due anni, vi ha riavvicinati?
R: Non tanto.
D: L’incontro con suo padre Dario Argento è stato commovente. È un inizio per recuperare il difficile rapporto con i suoi genitori?
R: Ci siamo già riavvicinati, ma prima della trasmissione. Papà mi ha detto che non perde una puntata, che mi sta riscoprendo e che è orgoglioso di me. Parole che mi hanno commosso e dato forza per continuare con la giusta determinazione.
D: Dopo aver lavorato moltissimo, in Italia e all’estero, ha dichiarato di aver abbandonato la carriera d’attrice per potersi dedicare esclusivamente a quella da regista. Che progetti la attendono?
R: Sono annunci che lasciano il tempo che trovano. La mia vita è sempre in continuo mutamento. Ora mi sto concentrando su Ballando con le stelle, per i progetti futuri non mi sento di escludere niente.
D: Cosa è andato male a Forte Forte Forte lo scorso anno? Era un ruolo che le apparteneva?
R: È stata un’esperienza bellissima, soprattutto l’incontro con la magnifica Raffaella Carrà. Solo se non mi fossi trovata bene con gli altri giudici la trasmissione sarebbe stata un flop. Quindi è andata benissimo. Gli ascolti non mi riguardano. La penso così anche quando interpreto una parte in un film. Secondo me il vero successo è riuscire a portare a termine i lavori che faccio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 01-04-2016 05:21 PM


Lascia un Commento

*