Orgasmo meccanico

Sguardo intenso, fianchi accoglienti e un’espressione piena di passione. Il futuro del desiderio potrebbe essere racchiuso negli ingranaggi di una macchina? Lo abbiamo chiesto all'antropologa Katleen Richardson.

Sguardo intenso, fianchi accoglienti e un’espressione piena di passione. Hanno la pelle morbida al tatto, gli zigomi perfetti e qualche imperfezione. Proprio come gli esseri umani. Ma i Sexbots sono umanoidi. Progettati per essere infaticabili servi della vita sessuale contemporanea. Il futuro del desiderio potrebbe essere racchiuso negli ingranaggi di un macchinario? Forse. Ma l’antropologa ed esperta di Robotica Kathleen Richardson li condanna senza mezzi termini: «Non sono altro che l’ennesimo strumento che l’uomo usa per riaffermare il proprio dominio sull’altro, mettendo in moto un meccanismo molto pericoloso che potrebbe acutizzare gli stereotipi di genere e la misoginia». La nostra intervista su Sextelling.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , Data: 18-03-2016 08:00 PM


Lascia un Commento

*