Quando a «squola» l'«ittaliano» è un optional

Era stata sospesa ma ora è tornata a insegnare: i genitori degli alunni di una scuola elementare veneta contro una docente di italiano con gravi lacune grammaticali. Un caso iniziato a novembre 2015.

Scrivere «ittaliano», confondere «qu», «cq» e «cu». Errori normali per un bambino delle elementari, ma non certo per un’insegnante di italiano. Perché questi strafalcioni, se così vogliamo chiamarli, sono firmati da una maestra veneta, di Santa Maria Elena di Sala. Tutto è cominciato a novembre 2015 quando i genitori dei suoi alunni avevano deciso di tenere i figli a casa una settimana per protesta. L’insegnante carente in italiano è stata poi sospesa per 120 giorni a causa di una negligenza avvenuta a dicembre 2015: aveva infatti lasciato un bambino di sei anni da solo all’uscita dell’istituto, nonostante dovesse rimanere per il doposcuola e nessuno fosse ancora arrivato a prenderlo. La direttrice scolastica regionale Daniela Beltrame l’ha sostituita con un’insegnante di potenziamento (figura introdotta dalla riforma della scuola del 2015, destinata ad attività di rafforzamento delle materie e copertura di brevi supplenze), sperando di trovare nel frattempo una docente che potesse prendere il suo posto, ma invano. La donna infatti è stata reinserita a marzo 2016, data di scadenza della sospensione, scatenando l’ira dei genitori che non hanno portato i figli a scuola e che hanno addirittura minacciato un trasferimento di massa in un altro istituto.

AI BAMBINI PIACE
Nonostante i genitori si siano opposti con fermezza al suo reinserimento, i bambini sono molto attaccati alla maestra per il suo calore e la sua simpatia. Ma l’insegnante ha un precedente non da poco, sebbene non risulti nel suo curriculum: mentre era precaria in una scuola di Santa Maria era stata soggetto di una prima ispezione didattica che non era andata a buon fine. Episodio che si è recentemente ripetuto e che potrebbe essere seguito dall’inevitabile licenziamento della donna, che nel frattempo è diventata di ruolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , , , Data: 18-03-2016 05:40 PM


Lascia un Commento

*