Sesso a misura di migrante

di Federico Capra
La Germania ha inaugurato un portale che vuole 'insegnare' le principali regole di comportamento sessuale ai migranti. Ma a fianco di alcuni sani consigli emergono tanti stereotipi tipicamente europei.

zanzuUn sito per addestrare i migranti agli usi e costumi della sessualità teutonica. Già, avete letto bene, addestrare. E con tanto di disegnini per giunta. Un po’ come se i profughi arrivati in Germania fossero tutti animali selvaggi pronti a violentare le donne tedesche alla prima opportunità. Si tratta di un esplicito esempio di razzismo? Difficile dirlo. Sicuramente i tragici e deplorevoli fatti di Colonia hanno fomentato la paura della popolazione. Da qui l’esigenza di creare un portale ‘educativo’ che prende il nome di Zanzu, my body in words and images. Ovvio nel sito sono presenti anche altri elementi utili per chi vuole proseguire il proprio soggiorno in Germania: dalle leggi sino alle principali regole sanitarie previste dal Paese.

SOLO CONSIGLI?
Come si legge su Zanzu, il compito principale del portale è quello di «dare consigli sul sesso e la sessualità ai migranti che non hanno ancora vissuto in Germania per molto tempo». Ma si tratta solo di semplici consigli? Stabilitelo voi. Diviso in sei sezioni, il sito utilizza degli espliciti disegni per provare a raccontare il sesso secondo l’ottica della civiltà occidentale. E se le immagini sono un linguaggio universale, ad aumentare la comprensibilità di quanto riportato anche le 12 lingue, tra cui spiccano anche l’arabo, il turco e il farsi, in cui il sito è stato tradotto. Ed ecco che su Zanzu vengono dettate alcune semplici regole come la condanna del delitto d’onore, degli stupri, degli oltraggi contro gli omosessuali e così via. Insomma nulla di cui stupirci. Tutto giusto, soprattutto perché questi ‘suggerimenti’ sarebbero tranquillamente applicabili anche a qualsiasi persona che si definisce civile. Ma quello che può dare fastidio, anzi dovrebbe dare fastidio, è la concezione tutta occidentale che identifica il migrante proveniente dall’Africa o da zone di religione islamica alla stregua di una persone inadatta alla vita civile.

GIUSTI SPUNTI
Eppure su Zanzu non è tutto da buttare, poiché si ritrovano prese di posizione importanti a difesa della donna. Come quella contro la mutilazione dei genitali femminili. Pratica, questa, spesso utilizzata in molte società dell’Africa, della Penisola araba e del Sud-Est asiatico. Oppure il consiglio di utilizzare, in caso di rapporti sessuali occasionali, il preservativo per evitare il rischio di possibili contagi. O ancora quello che sancisce l’uguaglianza e le pari opportunità tra uomini e donne. Insomma, qualcosa di buono sul portale teutonico si può anche trovare, il resto sembra pura progaganda di terrore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , , , Data: 10-03-2016 04:59 PM


Lascia un Commento

*