Per un pugno di vip

Ecco tutte le celebrità che si sono schierate a fianco di Donald Trump. Da Clintempo Eastwood a Hulk Hogan, sono molti i volti noti dello spettacolo ad aver appoggiato il tycoon nella sua corsa alla Casa Bianca.

2015-08-27T230037Z_1_LYNXNPEB7Q15Y_RTROPTP_3_USA-ELECTION-TRUMP

Alla fine Donald Trump è stato eletto come 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America. Questo nonostante alcune boutade razziste rivolte a neri, ispanici e islamici (as esempio Steve Wonder lo aveva etichettato come un pazzo fanatico). Parole che avevano fatto inorridire tanto l’opinione pubblica quanto buona parte delle istituzioni mondiali. Eppure Trump è stato più forte anche di quelle frasi dette spesso e volentieri a sproposito sull’onda di un populismo imperante.
Merito senza dubbio anche dei tanti vip che nel corso della sua campagna elettorale l’hanno sostenuto e alle urne l’hanno votato. Ecco quelli che a maggio 2016 avevano apertamente dichiarato di appoggiare il tycoon nella corsa alla Casa Bianca.

Saranno i suoi modi politicamente scorretti o la sua capigliatura impeccabile stile Lego, fatto sta che Donald Trump sta mietendo le sue prime vittime. O meglio sta facendo più proseliti di quanto noi europei ci saremmo potuti immaginare. E non tanto facendo leva sui sentimenti della pancia del popolo, ma conquistando autentici pezzi da novanta della vita pubblica americana. Su tutti le celebrità di Hollywood pronte a sostenere il vulcanico miliardario nella sua corsa (contro tutto e tutti) alla Casa Bianca. E poco importa che ogni tanto abbia preso un abbaglio, sia scivolato su argomenti difficili come sessismo e omofobia o che il papa lo abbia più volte ripreso definendolo «non cristiano» a causa delle sue uscite sconvenienti.

CLINT STA CON LUI
«Chiunque verrà eletto sarà meglio di Obama». Chi poteva immaginarsi che Clint Eastwood, icona degli spaghetti western targati Sergio Leone e volto dell’intramontabile ispettore Callaghan, avrebbe appoggiato lo spigoloso politico. Eppure quelle parole pronunciate alle primarie dall’85enne regista e attore lasciano poco spazio all’interpretazione. Tanto che Donald, incassato il gradimento, si è recato proprio in California dove ha incontrato Eastwood. Un colpo grosso per la corsa del magnate. Anche perché contare sul due volte premio Oscar più amato d’America potrebbe mettere il turbo alla sua crosa verso la presidenza.

NON SOLO ATTORI
Ma tra i suoi sostenitenitori Trump può annoverare anche volti della scena musicale e sportiva, ex pugili e wrestler, modelle, modelli e imprenditori. Parole al miele sono così arrivate anche da Lou Ferrigno. Il due volte Mister Universo e interprete della serie tivù della fine degli Anni ’70 The Incredibile Hulk, ha espresso tutta la sua stima nei confronti di Trump sperando che quel «bravo ragazzo» possa «arrivare sino in fondo». Ma nella vita dell’esuberante Donald c’è anche un altro Hulk. È l’ex wrestler Hulk Hogan pronto a mettere a disposizione del candidato repubblicano i suoi muscoli oltre a una schiera di fan pronti a seguirlo sino in capo al mondo. Figuriamoci votare per un candidato appoggiato da lui.

ANCHE I GIOVANI
Ma chi pensa che a sostenere il 69enne miliardario ci siano solo personaggi di un’America vetusta e ormai sorpassata si sbaglia di grosso. Perché anche molte giovani celebrità sembrano essere schierate al fianco di Trump. Ecco allora Sean Combs, in arte Puff Diddy, elogiare il leader repubblicano: «È mio amico e so che lavora sodo. Non è soltanto un mogul da prendere a modello», aveva dichiarato al Washington Post. A fargli l’eco anche altri personaggi come l’ex pugile Mike Tyson, il celebre giocatore di footbal Tom Brady, l’ex top model Gisele Bündchen e Stephen Baldwin, fratello minore di Alec.

LISTA INFINITA
E alla già lunga lista si devono aggiungere anche il bassista dei Kiss Gene Simmons, il chitarrista rock Ted Nugent, la cantante country Loretta Lynn e Tila Tequila, star dei reality e teorica delle cospirazioni, il fratellastro di Barack Obama, Malik, il cofondatore di PayPal, Peter Thiel, e ancora Scott Baio, ex star di Happy Days. E si potrebbe andare avanti. Quasi all’infinito, così come i voti che Donald Trump spera di accumulare per diventare lui il candidato repubblicano alle prossime presidenziali statunitensi. Il resto potrebbe essere solo un’altra lunga storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*