Arabia Saudita, arrestato un pupazzo senza nijab

La polizia religiosa ha fermato una mascotte di un negozio di caramelle perché non aveva le braccia e il volto coperto. La scena è stata immortalata da alcuni passanti e sui social sono scattate le proteste.

1455192189-bambola-riadÈ possibile arrestare un pupazzo pubblicitario perché non conforme alla legge? Sì, se ci troviamo in Arabia Saudita. La mascotte, che si trovava davanti a un negozio di caramelle, è stato infatti fermato e portato al commissariato dalle forze dell’ordine del Paese perché aveva braccia e volto scoperti. L’intervento della polizia saudita è stato preceduto dalla richiesta del Comitato per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio.

SELFIE
L’arresto non è passato inosservato. Ed ecco che alcuni passanti hanno immortalato la scena finita poi sui social network. Una protesta che è montata contro un sistema che se la prende addirittura con i pupazzi. Qualcuno ha addirittura fatto un fotomontaggio con un pupazzo interamente vestito con un nijab nero e la scritta: «Ecco come lo vorrebbero le nostre leggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Top news Argomenti: Data: 11-02-2016 07:05 PM


Lascia un Commento

*