Con un nastro arcobaleno

di Giusy Gullo
Dopo le polemiche relative all'invito a Sanremo di Elton John, dall'Ariston è arrivata, su più fronti, una risposta chiara. Alcuni cantanti hanno manifestato il loro sostegno alle unioni gay.

combo Sanremo Ruggeri, Noemi e ArisaIl quartetto Conti, Raffaele, Ghenea e Garko (anche se quest’ultimo un po’ sottotono) ha funzionato. Sanremo 2016 è infatti iniziato nel migliore dei modi con più di 11 milioni di spettatori e il 49, 98% di share. Un vero successo, non soltanto nei numeri. Dopo le polemiche relative all’invito al Festival di Elton John (per la sua omogenitorialità), dall’Ariston è infatti arrivata, su più fronti, una risposta chiara, che ha trovato sintesi nel commento di Virginia Raffaele, sul palco nelle vesti di Sabrina Ferilli: «Se Elton John è uno spot per i gay allora i Pooh cosa sono una marchetta per l’Inps?».

UN MOMENTO DI GRANDE MUSICA
Davanti al pubblico sanremese, l’ospite più discusso di questa edizione ha subito quietato gli allarmismi regalando al Paese un momento di grande musica, con due classici al pianoforte, Your Song e Sorry Seems To Be The Hardest Word e il nuovo singolo, Blue Wonderful. L’artista ha poi accennato alla sua situazione familiare («Non avrei mai pensato di diventare papà e di avere la vita che ho avuto»), ma ha anche evidenziato, parlando delle sue esperienze lavorative in Africa accanto a persone della chiesa, l’importanza di un «approccio cristiano» per aiutare chi è in difficoltà.

SUL PALCO A FAVORE DEI DIRITTI GAY
Non solo Elton John. In tanti, da Noemi ad Arisa, da Enrico Ruggeri ai Bluvertigo a Irene Fornaciari, hanno portato sul palco dell’Ariston i nastri colorati a sostegno dei diritti dei gay e delle unioni civili. L’iniziativa era stata lanciata dalla pagina Facebook LePerleDiPinna e subito accolta da Arisa e Noemi che ne avevano confermato l’adesione anche sui social.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , , Data: 10-02-2016 11:01 AM


Lascia un Commento

*