Dolce voltaGabbana

Lo stilista sconfessa le iniziali dichiarazioni del collega sulle coppie omosessuali e propone della borse con nuclei composti da soli uomini o sole donne: «La famiglia è tradizionale! Da qualsiasi persona essa sia formata».

Da una parte si trovano due papà che giocano con i loro tre bambini di cui uno ancora in fasce. Dall’altra ci sono due mamme, ognuna intenta a stringere amorevolmente due pargoletti in cerca d’affetto e attenzione. Sono queste le famiglie di Dolce & Gabbana riprodotte dal brand su T-shirt e borsette. Ma la scelta fatta dai due stilisti, a ridosso del Family Day,  ha provocato pareri discordanti sul web. Causa anche di una foto apparsa sul profilo Instagram di Stefano Gabbana in cui lo stilista presentava le ultime creazioni accompagnate dall’hashtag #dgfamily.

L’ATTACCO A DOLCE
Ma in molti hanno accusato il marchio di poca coerenza e di cavalcare l’onda del momento. Galeotta fu infatti un’intervista della primavera 2015 in cui Domenico Dolce attaccava, questa volta, le famiglie omosessuali: «Non mi convincono i figli della chimica, i bambini sintetici, uteri in affitto, semi scelti da un catalogo». E a queste pressanti critiche Stefano Gabbana ha risposto che «la famiglia è tradizionale! Da qualsiasi persona essa sia formata!». Per poi proseguire: «Mi spiace che molta gente abbia interpretato male questo messaggio, io voglio solo dire che Famiglia è amore! E che l’amore non è sessualita». E se il web ha duramente criticato la scelta, giudicata da molti di poca coerenza da parte del brand, lo stilista ha risposto piccato ai commenti più provocatori e sessisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Accessori, Attualità, persone, Protagonisti, Top news Argomenti: , , , , Data: 29-01-2016 02:05 PM


Lascia un Commento

*