«Come un altro Hitler»

Eva Schloss, 'sorellastra' di Anna Frank, lancia un duro attacco a Donald Trump, criticandone le posizioni razziste. E intanto l'aspirante candidato repubblicano alla Casa Bianca diventa bersaglio di un lancio di pomodori.

US-POLITICS-TRUMPDonald Trump? «Un altro Hitler». Un attacco durissimo, sferrato al più controverso tra gli aspiranti candidati alla carica di Presidente degli Stati Uniti. E che non arriva dalla voce di un qualsiasi oppositore politico, ma da Eva Schloss, 86enne ‘sorellastra’ di Anna Frank e sopravvissuta ad Auschwitz.

Investitures At Buckingham Palace«UN COMPLETO DISASTRO»
L’attacco è arrivato dalle pagine di Newsweek, che ha intervistato la donna in occasione della Giornata della memoria: «Sarebbe un completo disastro se Trump diventasse il prossimo presidente degli Stati Uniti. Credo che si stia comportando come un altro Hitler nell’incitare al razzismo», ha detto. Eva, in realtà, non ha legami di sangue con Anna Frank: erano molto amiche da bambine, e dopo la fine della guerra Otto Frank, padre di Anna, sposò Fritzi, madre di Eva. La Schloss attualmente risiede a Londra ed è cofondatrice dell’Anne Frank Trust UK.

Immagine anteprima YouTube

BERSAGLIO MANCATO
Le continue provocazioni di Trump, intanto, cominciano a sortire il proprio effetto su parte dell’elettorato. Se, da una parte, i sondaggi lo vedono in testa tra i candidati repubblicani, dall’altra sono molti gli oppositori la cui pazienza è messa a dura prova dalle continue affermazioni sessiste e razziste dell’imprenditore. Così, durante un comizio svoltosi il 28 gennaio presso l’Università dell’Iowa, Trump è stato preso di mira da un gruppo di contestatori che hanno cercato di colpirlo con un lancio di pomodori. Che, però, non è andato a buon fine e ha portato al fermo dei ‘lanciatori’ da parte della polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*