Paese mio non ti conosco

Un sondaggio condotto da Ipsos Mori rivela che l'Italia è la decima nazione più ignorante al mondo: crediamo troppo agli stereotipi su immigrazione, ricchezza e religione.

465037508Gli italiani vedono immigrati dappertutto, pensano di essere abbastanza in forma e che gli atei spopolino per la penisola. Niente di più sbagliato. Si tratta solo di una lunga serie di luoghi comuni, a cui però la popolazione italiana crede in massa. Tanto che, proprio per questo motivo, il Belpaese si è ritrovato in decima posizione nella classifica delle nazioni più ignoranti del mondo.

GLI IMMIGRATI NON SONO COSÌ TANTI
Ignoranti o, quantomeno, che non conoscono abbastanze sé stesse e che sono abituate a vedere la realtà che le circonda deformata dalle lenti dei media o del populismo. Questo è quanto emerge da una ricerca condotta da Ipsos Mori in 28 Paesi per tramite di 25 mila interviste. I nostri connazionali pensano che l’obesità sia una piaga che affligge il 36% della popolazione, ma la percentuale effettiva arriva al 50. Così come l’1% della popolazione non possiede il 46% delle ricchezze, ma la metà. Fa molta paura lo straniero: secondo gli italiani, 1 persona su 4, dalle Alpi a Lampedusa, è immigrata, ma la percentuale autentica si ferma al 9%. E in un momento in cui si ha la percezione che i valori tradizionali sono smarriti e ci si stringe tutti intorno al presepe per darsi coraggio, si finisce per sovrastimare anche la percentuale delle persone non religiose. Che si attesta in realtà al 12%, e non al 30%.

LA CLASSIFICA
E gli altri Paesi? Ecco la classifica, dalla prima, non invidiabile, posizione, fino alla 28esima: Messico, India, Brasile, Perù, Nuova Zelanda, Colombia, Belgio, Sud Africa, Argentina, Italia, Russia, Cile, Gran Bretagna, Israele, Australia, Giappone, Canada, Germania, Paesi Bassi, Spagna, Norvegia, Francia, Svezia, Stati Uniti, Cina, Polonia, Irlanda e Corea del Sud.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , , , Data: 21-01-2016 12:11 PM


Lascia un Commento

*