Anche i boss si innamorano

di Federico Capra
Ecco i messaggi che si scambiavano l'attrice Kate Del Castillo e El Chapo, l'uomo a capo del cartello di Sinaloa. Tenerezze ed effusioni che hanno fatto abbassare la guardia al narcotrafficante.

80ee8173-0e8f-42b2-91c4-e874f2fcc1f4Voleva girare un film autobiografico sulle sue sanguinarie gesta. Tanto che, dopo la sua evasione dalla prigione di massima sicurezza in cui si trovava dal febbraio 2014, aveva contattato attori e produttori di Hollywood per raccontare la sua storia. E proprio il suo smisurato narcisismo ha portato Joaquín ‘El Chapo’ Guzmán Loera a finire nuovamente dietro le sbarre del Centro Federal de Readaptación Social Número 1 ‘Altiplano’ da cui era fuggito in maniera spettacolare l’11 luglio 2015.

VOLEVA UN FILM
Ma la smania di diventare una star del cinema ha portato El Chapo a commettere un passo falso dopo l’altro. Non ultimo, nonché fatale, l’incontro organizzato con Sean Penn pochi giorni prima dell’arresto avvenuto a Los Mochis l’8 gennaio 2016. Un abboccamento che era scaturito in una lunga e dettagliata intervista poi pubblicata dal 55enne attore sul mensile statunitense Rolling Stone. Ma chi ha aiutato Sean Penn nella difficile missione di intercettare il boss della droga più ricercato al mondo?

L’ATTRICE E IL NARCOTRAFFICANTE
Si tratta di Kate del Castillo. Un nome che in Italia dice poco, ma che in Messico è tra i più apprezzati della scena televisiva e cinematografica del Paese. Nata a Città del Messico il 23 ottobre 1972, Kate ha fatto il suo debutto sul grande schermo nel 1978 quando ha preso parte al film The Last Escape. La fama arriverà solo nel 1991 grazie alla telenovelas Muchachitas andata in onda nei principali Paesi dell’America Latina. È il giusto trampolino di lancio per l’attrice che verrà successivamente chiamata ad interpretare ruoli in altre popolari serie tivù sudamericane come Ramona e La Mentira. A 43 anni ha fatto un boom d’ascolti grazie a La Reina del Sur, dove interpreta, nemmeno a dirlo, una potente narcotrafficante.

UNA VITA SENTIMENTALE BURRASCOSA
Kate del Castillo è stata sposata due volte, entrambe per tre anni. La prima con l’ex centrocampista spagnolo di Barcellona e Atletico Madrid Luis Garcia (dal 2001 al 2004) e poi con l’attore messicano Aaron Diaz (dal 2009 al 2011) di parecchi anni più giovane di lei. Motivo dei suoi divorzi, però, sarebbe il forte temperamento che da sempre ne ha caratterizzato sia la vita lavorativa che quella privata. Ma Kate è da sempre attiva nella tutela dei più deboli. Più volte si è dimostrata critica nei confronti del governo del suo Paese incapace di porre rimedio alle sofferenze dei più poveri.

IL TENERO SCAMBIO DI MESSAGGI
Ma l’accostamento tra il nome dell’attrice e quello di El Chapo non è del tutto nuovo. In passato la donna aveva contattato il boss per chiedergli un aiuto concreto in favore dei bambini poveri del Messico. Proprio da questo primo contatto era nato uno scambio epistolare con il sanguinario boss all’epoca in carcere, proseguito per sms e messaggini. I due si chiamavano ‘guapa’ e ‘papà’, scambiandosi effusioni e tenerezze: «Per la prima volta mi sento protetta. Per qualche motivo mi sento sicura, e so che tu sai chi sono, non come attrice o personaggio pubblico, ma come donna, come persona», scriveva lei. E lui ci era cascato con tutte le scarpe: «Come sta la donna più buona di questo mondo, e la più intelligente, che ammiro tanto… Mia mamma vuole conoscerti, le ho parlato molto di te». E lei, ancora: «Adesso ti conoscerò e non sai quanto sono emozionata… Porterò il mio tequila per condividerlo con te, perché questo è un sogno che finalmente si avvera, grazie a te». Secondo gli inquirenti, tuttavia, i rapporti tra i due sarebbero continuati anche dopo l’evasione del narcotrafficante dal carcere di ‘Altiplano’. Rapporti non occasionali quindi, anzi decisamente costanti tanto da permettere a Sean Penn di avvicinare il pericoloso ex latitante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*