«Amy soffriva della sindrome di Tourette»

A dirlo nel suo nuovo libro, di cui People ha dato anticipazioni, è la madre della Winehouse, che ha raccontato che la figlia era probabilmente affetta da un disturbo neurologico.

Arrivals At The Brit Awards 2007Dopo la morte di Amy Winehouse, quel drammatico 23 luglio 2011 al numero 30 di Camden Square, a Londra, della sua vita piena di eccessi si è parlato e scritto tanto. Aveva gravi problemi con le droghe, con l’acol, con l’alimentazione. Ma le sue dipendenze non sarebbero state le uniche ombre della sua esistenza: Amy pare soffrisse anche di un disturbo neurologico caratterizzato dalla presenza di tic motori e fonatori incostanti, la sindrome di Tourette. A raccontarlo è Janis Winehouse-Collins, madre della cantante, che nel suo libro Loving Amy, A Mother’s Story (Amando Amy, la storia di una madre) si è lasciata andare a rivelazioni intime sulla vita della figlia. La madre di Amy ha infatti confessato a People – che ha anticipato il contenuto del libro – che «Amy forse era affetta dalla sindrome di Tourette. A volte urlava delle cose, ma non sappiamo con certezza».
«AMY NON VOLEVA MORIRE»
«Era contemporaneamente angelo e diavolo. A nove anni già si tagliava, a dieci taccheggiava, e si faceva da sola il piercing. Fumava erba ogni giorno, a 15 anni già beveva Southern Comfort. Le cose peggiorarono quando io e suo padre ci separammo, eppure ho sempre creduto che lei ce l’avrebbe fatta a uscire dalle sue dipendenze. Amy non voleva morire, voleva avere figli, una famiglia. Artisticamente era una perfezionista, un dono ed era dotata di qualcosa al di sopra della media. Ha vissuto la sua vita intensamente», ha raccontato la donna. Poi, però, «dalla marijuana passò alla droga pesante. Il marito Blake la introdusse al crack e alla cocaina, Amy cucinava solo cibi che avrebbe espulso facilmente, diventò bulimica, scheletrica, insicura, si rifece il seno, intendeva rifarsi anche il naso, non aveva il ciclo mestruale ormai da sette anni quando è stata ritrovata morta nel 2011».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 07-01-2016 02:19 PM


Lascia un Commento

*