Costrette a mangiare cenere e cibo scaduto

Una nuova testimonianza sembra confermare le storie di soprusi e vessazioni che le suore del convento dei Francescani dell'Immacolata erano costrette a subire in virtù di un patto di sangue.

convento_violenze_suoreUn patto di sangue. A questo equivaleva prendere i voti nel convento dei Francescani dell’Immacolata di Avellino: ferirsi le dita, usare il sangue come inchiostro e vergare, così, la propria promessa votiva su un rettangolino di carta. Un rito che, per molti versi, sembra attingere più all’immaginario mafioso, che a quello religioso e che sembra essere solo la punta dell’iceberg di tutta una serie di vessazioni e soprusi che le suore dell’istituto religioso sono state costrette a subire nel corso degli anni. La nuova testimonianza arriva da una donna che era entrata nel convento nel 1996, quando aveva appena 17 anni.

MARCHIATE A FUOCO
L’inchiesta che racconta i lati oscuri del convento dell’Immacolata è stata realizzata dal Corriere della Sera. Oltre ai patti di sangue, grazie ai quali le suore si sentivano obbligate a piegarsi a qualsiasi tipo di abuso, alcune testimonianze parlano di marchi impressi a fuoco sulla pelle, punizioni con tanto di fruste e chiodi. Tutto nasce da un dossier che il Vaticano ha elaborato per indagare sulla condotta dal superiore Padre Stefano Manelli. Ulteriori conferme sarebbero arrivate dalle confessioni delle suore, che hanno rivelato una serie di comportamenti che, secondo quanto scrive il Corriere della Sera, potrebbero ricondurre all’ipotesi di reato di violenza sessuale.

COSTRETTE A MANGIARE CIBI SCADUTI
Le suore erano spesso costrette a mangiare «la cenere nei pasti e spesso lo facevamo in ginocchio». I cibi erano spesso scaduti: «Dicevano che dovevamo offrirli a Dio. Se questo sacrificio fosse stato sincero, non ci sarebbe successo niente. Invece io sono stata molto male e ho avuto seri problemi all’addome». Anche pregare e frustarsi era diventata una pratica quotidiana, tanto che c’è chi arriva a parlare addirittura di schizzi di sangue sulle pareti. Padre Manelli continua a ripetere che si tratta unicamente di calunnie, ma le nuove testimonianze sembrano contraddirlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , Data: 04-01-2016 01:03 PM


Lascia un Commento

*