Smog a fior di pelle

di Stefania Maroni
L’inquinamento atmosferico? Mette l’epidermide a dura prova. Rendendola più soggetta ad allergie e squilibri, ma soprattutto all’invecchiamento precoce. Tutti i consigli per difenderla.

smogOggi mantenere un viso fresco e luminoso non è impresa facile, soprattutto nelle grandi città. Tutta colpa dello smog, che ha ormai oltrepassato i livelli di guardia e i cui effetti, decisamente preoccupanti per la salute, non lasciano indenne nemmeno la pelle. Non a caso, quello dell’inquinamento è stato uno dei principali argomenti trattatati nel corso del 23º World Congress of Dermatology che ha avuto luogo nell’estate 2015 a Vancouver, Canada. Ma come reagisce l’epidermide all’impatto con le sostanze inquinanti presenti nell’aria? Scopriamolo.

IMPENNATA DEI RADICALI LBERI
I componenti dello smog sono numerosi e, in massima parte, vengono prodotti dai gas di scarico delle auto, dai sistemi di riscaldamento e raffreddamento, dagli impianti industriali. Comunemente detti polveri sottili, prima si depositano sulla superficie cutanea, poi si annidano nei pori, creando uno stato infiammatorio che incrementa la sintesi di radicali liberi, responsabili del precoce invecchiamento cutaneo (queste molecole alterate provocano il cosiddetto stress ossidativo, ovvero un graduale deterioramento delle cellule).

ALLERGIE E SEBO IN ECCESSO
La pelle corre anche altri rischi. Inspiegabili rossori, pruriti e ‘sfoghi’ cutanei, infatti, spesso dipendono proprio dal contatto prolungato con le sostanze inquinanti presenti nell’aria, soprattutto se l’epidermide è particolarmente sensibile; mentre se è grassa o mista, a causa dell’infiammazione, tende a produrre una quantità ancora maggiore di sebo, favorendo così la formazione di brufoli e punti neri.

D’OBBLIGO UNA PULIZIA PROFONDA
È la prima mossa in difesa della pelle. Latte detergente e tonico eliminano perfettamente impurità superficiali e residui di trucco, ma per pulire la pelle in profondità, è indispensabile ricorrere al gommage (gli ultimi nati sono arricchiti con microcristalli, delicatamente esfolianti). Effettuato una o due volte alla settimana, rimuove le cellule morte e al tempo stesso libera i pori dalle sostanze nocive prodotte dall’inquinamento.

COSMETICI AD AZIONE ANTIOSSIDANTE
Creme e sieri arricchiti con principi attivi in grado di frenare la produzione di radicali liberi e di riparare eventuali danni sono sicuramente un’eccellente difesa. Tra i più efficaci, troviamo l’acido ferulico, particolari enzimi, la vitamina E, alcuni derivati dell’uva, l’estratto di melograno e l’inedito estratto di cardo. Se contiene una di queste sostanze, anche il fondotinta costituisce una valida protezione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*