La lezione di guida si paga col sesso

In Olanda agli istruttori è consentito farsi remunerare in natura da studenti maggiorenni e consenzienti.

sex-in-carL’Olanda è un Paese nel quale tutto sembra sia concesso. Secondo alcune indagini portate avanti dalla polizia di Rotterdam, tra gli istruttori di guida sarebbe largamente diffusa la pratica, conosciuta con il nome di Ride for a ride, di dare lezioni in cambio di prestazioni sessuali. Il cristiano conservatore Gert-Jan Segers (del partito ChristenUnie) ha presentato un’interrogazione ai Ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti e al Ministro della Giustizia, chiedendo quale fosse la posizione del Governo sull’argomento. La risposta dei politici è stata singolare: secondo le normative del Paese (nel quale la prostituzione è legale ma comunque soggetta a una rigida regolamentazione) farsi pagare in natura non è contro la legge. È però consentito, ha sottolineato il ministro Ard van der Steur, solo se gli studenti sono maggiorenni consenzienti. E, soprattutto, unicamente in risposta all’iniziativa dell’istruttore, non viceversa. «La cosa importante è che l’iniziativa riguardi l’offerta di una lezione di guida a fronte del pagamento fornito in forma di atti sessuali. Quando un atto sessuale fosse invece offerto in cambio di un servizio, allora quella sarebbe prostituzione», si legge nella lettera dei ministri trasmessa al parlamento e riportata dal Daily Telegraph.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 21-12-2015 04:08 PM


Una risposta a “La lezione di guida si paga col sesso”

  1. Francostars scrive:

    Anche in Italia sarebbe possibile in via legale, siccome nel medesimo Stato non è illegale esercitare ed avvalersi del proprio affare di prostituzione (Legge 75/1958 “Merlin”).

Lascia un Commento

*