Condannato a morte per una poesia

Il poeta palestinese Ashraf Fayadh verrà decapitato in pubblico per aver scritto dei versi giudicati blasfemi dal tribunale religioso dell'Arabia Saudita. Le associazioni umanitarie cercano di salvarlo.

asher-fayadhSi può morire per una poesia? Sì. Almeno in Arabia Saudita, dove il poeta palestinese Ashraf Fayadh è stato riconosciuto colpevole di apostasia e quindi condannato a morte. «I profeti si sono ritirati e aspettarli è oramai inutile»: sarebbero questi i versi incriminati. Un pugno di parole, ma sufficienti perché il tribunale saudita di Abha riconoscesse la sua intera opera come «blasfema».

LA CONDANNA
I guai di Ashraf sarebbero cominciati in seguito a una discussione all’interno di un bar, scaturita, secondo la sorella di Ashraf, per banali motivi scolastici. Il dissidio con uno degli avventori del bar sarebbe degenerato in breve tempo, e quest’ultimo avrebbe chiamato la polizia religiosa accusando Fayad di aver mancato di rispetto all’Islam e a Maometto con le sue poesie blasfeme. Dopo essere stato arrestato, Fayad affrontò un processo dove venne anche accusato di intrattenere relazioni illecite con persone dell’altro sesso: accusa basata sulle foto di donne che Fayad aveva salvato sul telefono. Già all’epoca il poeta aveva rischiato la condanna a morte, ma il giudice di allora lo aveva ‘graziato‘ perché Ashraf si era dichiarato pentito dei suoi scritti. Le organizzazioni per la salvaguardia dei diritti umani avevano tirato un sospiro di sollievo e si erano rivolte al tribunale chiedendo di liberare il poeta.

RISCHIO DECAPITAZIONE
Per reazione, un nuovo giudice, subentrato nel processo a novembre, ha però decisò che le parole di pentimento di Ashraf non erano abbastanza convinte, così il processo è ripreso, le poesie sono state descritte come «malefiche» e si è deciso per la condanna a morte. La data dell’esecuzione non è ancora nota, ma le associazioni umanitarie hanno già dato il via a una campagna internazionale per chiedere a re Salman di concedere la grazia al poeta, che rischia la decapitazione solo e unicamente per le sue idee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , , , Data: 02-12-2015 05:01 PM


Lascia un Commento

*