Ricordando Rosa Parks

Il 1° dicembre 1955 una donna di colore americana rifiutò di cedere a un bianco il proprio posto sull'autobus. Un gesto che ha fatto la storia e che viene celebrato in tante città italiane.

Civil rights heroine Rosa Parks attends the openin1° dicembre 1955, Alabama. Siamo nel profondo sud degli Stati Uniti, nella cittadina di Montgomery. Una donna di colore 42enne sale un autobus, cercando un posto a sedere. Prima guarda nel settore riservato a quelli come lei, i ‘neri’, ma i sedili sono tutti occupati. Allora va a sedersi tra i cosiddetti posti comuni, dove neri e bianchi possono sedersi vicini. A patto però che, qualora gli altri posti siano tutti occupati, gli afroamericani cedano il posto ai bianchi. E a Rosa Parks (perché è di lei che stiamo parlando) succede proprio questo: le chiedono di cedere il suo posto. Ma lei dice di no. E per questo finisce in galera. Per la comunità afroamericana di Montgomery è la proverbiale goccia che fa traboccare il vaso e che segna l’inizio di una delle più clamorose battaglie per la conquista dei diritti civili. Il risultato fu l’abolizione della segregazione razziale sugli autobus e l’ingresso dell’esile figura di Rosa Parks nella leggenda.

Bus Rosa Parks Made Her Stand On RestoredUNA VITA PER I DIRITTI CIVILI
Rosa Parks è morta nel 2005, dopo un’intera vita dedicata alla lotta per i diritti civili. Sarebbe sbagliato ridurre le sue battaglie esclusivamente a quel gesto di 60 anni fa. Perché nel 1955 erano già passati 12 anni da quando Rosa Parks aveva aderito alla causa del Civil Rights Movement. Nata nel 1913, si era sposata nel 1932 con l’attivista Raymond Parks. Nel 1933 si diplomò alle scuole superiori, risultato straordinario se si tiene conto che a quell’epoca appena il 7% degli afroamericani avevano la possibilità di seguire gli studi. Intanto, Rosa si era messa a svolgere numerosi lavori per sopravvivere. Pian piano cominciò a frequentare i movimenti per i diritti civili. Paradossalmente, in questi contesti si ritrovò ad affrontare alcuni casi di sessismo.

DOPO LA PROTESTA
Dopo la fatidica data del 1° dicembre 1955, diventata ormai un simbolo, cominciò a ricevere numerose minacce di morte e non fu più in grado di trovare un lavoro. Negli Anni 60 si trasferì a Detroit, continuando a collaborare con gli attivisti e aderendo a numerose campagne a favore dei prigionieri politici, del welfare e del diritto allo studio. Con il passare degli anni le sue apparizioni pubbliche si sono via via fatte più rare, anche a causa di una serie di acciacchi più o meno gravi causati dall’età e che l’hanno portata alla morte nel 2005.

1448273174504_LocandinaAlPostoGiustoL’ITALIA RICORDA
Per celebrare i 60 anni trascorsi dal coraggioso gesto di Rosa Parks,  il MiBACT promuove una serie di manifestazioni in diverse città italiane raccolte sotto l’hashtag #AlPostoGiusto. Al centro di queste commemorazioni ci sarà, ovviamente, l’autobus. Ecco il programma delle celebrazioni.

Dove: Bologna
Quando: 1 Dicembre, ore 13 e  19
Cosa: Il pomeriggio del 1° dicembre Bologna ricorderà la storia di Rosa Parks realizzando, all’interno di 4 autobus di linea – 14, 19, 20, 27 – una serie di performance tra teatro e narrazione, ispirate ai testi Rosa Parks: My story di Rosa Parks e Jim Haskins e The rebellious  life of Mrs Rosa Parks di Jeanne  Theoharis (orari: dalle ore 13 alle ore 19 sino al termine del percorso di andata e ritorno con partenza dal centro).

Dove: Catania, lungomare
Quando: 6 dicembre, ore 11.30
Cosa: Iniziativa per ricordare Rosa Parks;  il Suo grande e significativo “gesto”  cambiò la vita di molti uomini e donne, ponendo definitivamente fine alla segregazione razziale negli Stati Uniti d’America. Charlenee Tata Lasm, una lettrice di origini ivoriane, ci racconterà l’episodio e alcuni cenni biografici della vita di questa grande donna.

Dove: Ferrara
Quando: 1-6 dicembre
Cosa: Nei giorni compresi dal 1 al 6 dicembre, sulle linee n.6 e 11, che attraversano la città, compresi i quartieri in cui vi è maggior disagio sociale, saranno presenti una decina di volontari che, in orari diversi, leggeranno brani sulla vita di Rosa Parks, Martin Luther King e altri, tutti attinenti al tema dell’affermazione dei diritti tramite un rifiuto pacifico.

Dove: Firenze
Quando: 1° dicembre
Cosa: Alle fermate del tram, gospel e letture per ricordare il rivoluzionario gesto che dette il via alla lunga stagione di lotte per i diritti civili della gente di colore.

Dove: L’Aquila
Quando: 3, 4 e 5 dicembre
Cosa: Interventi di attori che coinvolgeranno direttamente alcuni beneficiari del progetto SPRAR del Comune dell’Aquila, in collaborazione con il Comitato Territoriale Arci L’Aquila, gestore del progetto SPRAR e l’Associazione Artisti Aquilani curatrice di un laboratorio teatrale con gli stessi beneficiari.

Dove: Matera
Quando: 1, 2 e 4 Dicembre; 9.30-12.00
Cosa: All’interno dello scuolabus un giovane scrittore  senegalese parlera’ di discriminazioni ai bambini, parlando anche della sua esperienza personale.

Dove: Milano
Quando: 3 Dicembre; 17.00-21.00
Cosa: L’iniziativa riguarda le scuole nella mattinata e al pubblico, su prenotazione, nel pomeriggio dalle 17 fino alle 21. Il tram storico partirà dal centro via Cantù (angolo via Orefici) e arriverà alla stazione di porta genova. Nel tragitto si alterneranno artisti con performance e un collage di testimonianze.

Dove: Napoli
Quando: 1 Dicembre ore 10.00; dall’1 al 6 Dicembre
Cosa: Per l’occasione uscirà dai depositi ANM il restaurato Filobus storico che diventerà stage per narrare, attualizzandola, la storia di Rosa Parks, con l’intervento artistico a cura de La Bazzarra della compagnia teatral-musicale “A Sud Secondo Movimento” con artisti immigrati che vivono a Napoli provenienti da Africa, Argentina, Romania, Tunisia, SriLanka e attori campani. Tra letture e musica si racconterà al pubblico, auspicabilmente delle scuole e giovani, il gesto rivoluzionario di Rosa Parks, un “no” che è diventato pietra miliare nella storia della rivendicazione dei diritti civili.

Dove: Roma
Quando: 1, 4 e 5 Dicembre; 09.30-16.30
Cosa: Nei giorni 1, 4 e 5 dicembre un autobus dell’Atac sosterà in Piazza Madonna di Loreto dalle 9.30 alle 16 ospitando diverse iniziative culturali in ricordo di Rosa Parks. In questi tre giorni si alterneranno all’interno dell’autobus scrittori, attori, musicisti italiani e stranieri.

Dove: Trento
Quando: dall’1 al 6 dicembre
Cosa: Sulle 470 pensiline del trasporto pubblico cittadino e nei 110 autobus di linea, dal 1° al 6 dicembre, i cittadini troveranno un messaggio “Al posto giusto” per ricordare la vicenda di Rosa Parks che nel 1955 in Alabama si rifiutò di cedere sull’autobus il posto a un bianco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , , Data: 01-12-2015 04:12 PM


Lascia un Commento

*