Il vuoto di Harry

Il principe ha ricordato la madre Diana Spencer nel discorso per l'inaugurazione di un centro per bambini sieropositivi in Africa, creato dalla charity Setebale in Lesotho voluta proprio dalla principessa scomparsa nel 1997.

HarryLa scomparsa della madre ha lasciato «un vuoto incolmabile» nella sua vita. Il principe Harry ha voluto ricordare Diana Spencer nel discorso per l’inaugurazione di un centro per bambini sieropositivi in Africa, creato dalla charity Setebale in Lesotho voluta proprio dalla principessa scomparsa nel 1997. Accanto a lui Mutsu Potsane, un quindicenne orfano che il reale ha incontrato nel Paese africano 11 anni fa, all’epoca della sua prima visita.

IL LESOTHO E L’HIV
Il Lesotho è uno degli Stati più piccoli al mondo ma è anche al secondo posto tra quelli con la più alta incidenza di Hiv. Un bambino su tre rimane orfano a causa dell’epidemia e ora nel Paese non ci sono abbastanza adulti a prendersi cura di loro. Spesso a otto – nove anni devono farsi carico dei loro fratelli più piccoli. «Undici anni fa sono venuto per la prima volta e sono subito rimasto colpito dal gran numero di bambini la cui vita è stata distrutta dalla perdita di uno o di entrambi i genitori», ha spiegato Harry, «Non potevo credere che così tanti minori fossero stati derubati della loro infanzia dalla povertà estrema e dall’Aids. Dietro quei sorrisi era evidente che avevano disperatamente bisogno di cure, attenzione e, soprattutto, amore».

NON DIMENTICARMI
«Benché la mia situazione non potesse essere più lontana dalla loro, ho sentito un forte legame con i bambini che ho incontrato», ha spiegato il principe, «condividevamo il senso di perdita di una persona cara che ci era stata strappata via all’improvviso. Ebbi la consapevolezza che avrei sempre avuto un senso di vuoto incolmabile». Proprio per questo motivo la charity è stata chiamata ‘Setebale’, ovvero ‘non dimenticarmi’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 27-11-2015 05:28 PM


Lascia un Commento

*