Facebook, quattro mesi congedo parentale per i neo-genitori

Mark Zuckerberg ha annunciato la novità per tutti i dipendenti dell'azienda: «Studi mostrano che quando i genitori che lavorano si prendono del tempo per stare con i figli appena nati, la famiglia ne trae vantaggio».

INDIA-INTERNET-FACEBOOK-COMPUTERSPrima il signor Facebook aveva annunciato dal suo profilo l’intenzione di prendersi due mesi di paternità in occasione dell’imminente nascita della figlia, per stare accanto alla nuova arrivata e alla moglie Priscilla. Poi, a pochi giorni dalla notizia, Mark Zuckerberg ha deciso di estendere a quattro mesi il congedo parentale per tutti i dipendenti, indipendentemente dal sesso o dal Paese di residenza.
Già Spotify aveva portato a sei mesi il congedo per i neo genitori, con una retribuzione totale dello stipendio, il 100%. «Questa estensione coinvolge in primo luogo i neo papà e le coppie omosessuali al di fuori degli Stati Uniti», si legge nella nota diffusa da Facebook, «e non modificherà il congedo di maternità attualmente disponibile per tutti i dipendenti del mondo». Dal primo gennaio 2016, i neo genitori dipendenti di Facebook, godranno quindi dei quattro mesi di congedo parentale dal momento della nascita del bambino. Potranno usufruirne in qualsiasi momento dell’anno, fino al compimento del primo anno di età del neonato, anche i genitori che nel 2015 abbiano adottato o avuto un bambino.
SUPPORTO ALLE FAMIGLIE
«Studi hanno mostrato che quando i genitori che lavorano si prendono del tempo per stare con i figli appena nati», ha spiegato Zuckerberg, «è meglio per i figli e per la famiglia, padri e madri meritano lo stesso livello di supporto quando creano una famiglia». La società ha spiegato che questo approccio è volto a supportare i dipendenti e i familiari, per essere al fianco delle persone in ogni momento della loro vita e diventare un luogo di lavoro sempre più idoneo per le famiglie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 26-11-2015 05:11 PM


Lascia un Commento

*