Anche l'Olocausto ha la sua miss

Amy Berkowitz è la vincitrice del concorso di bellezza dedicato alle sopravvissute della Shoah. Secondo i promotori è una celebrazione della vita, ma i detrattori sostengono che si tratti di una macabra manifestazione.

Fiera del macabro o celebrazione della vita contro la morte? Giunto alla sua terza edizione, il concorso di bellezza Miss Holocaust Survivor, che vede concorrere le donne sopravvissute alla Shoah, continua a far discutere sostenitori e detrattori. Ma lo show, si sa, deve andare avanti. Il 24 novembre 2015, dunque, Rita Berkowitz si è conquistata l’agognato titolo di Miss Olocausto, sbaragliando altre 12 concorrenti nel corso della serata organizzata dalla International Christian Embassy Jerusalem e svoltasi in Israele nella città di Haifa. Secondo gli organizzatori, il concorso è un’occasione per dare nuova visibilità alle sopravvissute, spesso ridotte all’oblio e in condizione economiche piuttosto precarie, nonché per combattere lo stereotipo che vede i reduci dei campi di concentramento come degli anziani bloccati su una sedia a rotelle. D’altra parte, c’è chi accusa la manifestazione di sminuire la memoria dei 6 milioni di vittime dell’olocausto. Il dibattito è aperto. Intanto, ecco nella gallery le foto dell’evento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery Argomenti: , , , , , Data: 25-11-2015 11:43 AM


Lascia un Commento

*