Gli Emirati scelgono una donna

Amal Al Qubaisi è stata eletta presidente del Consiglio nazionale federale, equivalente del nostro parlamento. È la prima donna a ottenere un ruolo così importante in un Paese arabo.

amal_al_qubaisiUna donna presidente del Parlamento: un avvenimento che, purtroppo, fa ancora notizia. A maggior ragione se, come in questo caso, l’aula parlamentare è quella degli Emirati Arabi Uniti. Toccherà infatti ad Amal Al Qubaisi presiedere il Consiglio nazionale federale, diventando così la prima donna presidente di un parlamento nazionale dei Paesi arabi.

LA SVOLTA ARABA
Al Qubaisi non è nuova ai record, visto che già nel 2006 era stata la prima donna a essere eletta in Consiglio in rappresentanza di Abu Dhabi. Il nuovo incarico ottenuto dall’architetta dhabense ha raccolto il plauso dell’Unione interparlamentare di Ginevra, che ha così commentato la notizia: «Una svolta non solo per lo Stato del Golfo, ma anche per il mondo arabo in generale». Sale così a 17 il numero di donne presidenti di un parlamento nel mondo, su un totale di 273.

ISLAM (E FEMMINISMO?)
Nel 2006, Amal aveva così commentato il proprio ingresso nel Consiglio: «Devo il mio successo alla mia profonda fede in Allah onnipotente, al supporto ricevuto dai membri dei collegi elettorali di Abu Dhabi e alle promesse realistiche e sincere che ho fatto durante la mia campagna elettorale». Da sempre si è distinta nell’impegno per garantire alla popolazione di sesso femminile un ruolo attivo nella società. Secondo il sito WiseMuslimWomen.org, ha dichiarato: «Alle donne d’Europa e d’America sono serviti 100 anni solo per poter prendere parte alle elezioni. Per noi, avere eletto delle donne nel consiglio in così breve tempo è un’enorme conquista».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*