In Texas l'aborto è casalingo

Secondo uno studio dell'Università dello Stato americano sono sempre di più le donne che ricorrono a metodi alternativi a causa di una legge che limita l'interruzione della gravidanza nelle strutture ospedaliere.

controlloMigliaia di donne in Texas hanno tentato l’aborto autoindotto. È quello che emerge da un recente studio dell’Università del Texas. Sono tra le 100 mila e le 240 mila le donne, di età compresa tra i 18 e i 49 anni, che hanno provato ad interrompere la gravidanza tra le mura domestiche in seguito ai tentativi legislativi di limitare gli interventi nei centri specializzati.

LE PAROLE DELLE DONNE COINVOLTE
Lo studio riporta anche alcune interviste fatte a 18 donne che l’aborto autoindotto l’hanno sperimentato sulla propria pelle. Una ragazza di 24 anni della Valle del Rio Grande, per esempio, è ricorsa a un medicinale: «È stata la peggior esperienza della mia vita, non avevo mai provato dolori così forti prima». Una 20enne di Houston ha invece provato i metodi naturali e, come altre cinque ragazze che hanno provato a prendere erbe o vitamine, ha dovuto poi arrendersi all’aborto chirurgico.

L’INTERVENTO DELLA CORTE SUPREMA
A novembre 2015 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso di prendere in considerazione il caso di una legge approvata in Texas che porterebbe gradualmente alla chiusura di 30 cliniche in cui viene praticato l’aborto. L’obiettivo è quello di ridurre il numero fino a un massimo di 10 strutture in tutto lo Stato chiudendo tutte quelle che non hanno gli stessi servizi di un grande ospedale (come la rianimazione e il pronto soccorso).

IL PARERE DELL’ESPERTA
Amy Hagstrom Miller, presidente  della Whole Woman’s Health ha detto che è «estremamente irrispettoso» che le donne in Texas non abbiano sempre la possibilità di abortire in maniera sicura. «L’aborto è legale in questo Paese, quindi ogni donna merita di avere accesso a qualsiasi metodo per interrompere la gravidanza in modo sicuro»

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 18-11-2015 05:14 PM


Lascia un Commento

*