Nude in strada contro la violenza sessuale

Gruppi di donne sfilano a Rio de Janeiro in difesa della libertà di azione e abbigliamento. Al centro delle proteste battezzata SlutWalk c'è anche una nuova proposta di legge sull'aborto.

Centinaia di manifestanti senza veli sono scese in strada sabato 14 novembre a Rio de Janeiro, in Brasile, per protestare contro la violenza sulle donne. Il corteo, in cammino lungo la spiaggia di Copacabana, faceva parte della serie di eventi noti con il nome di SlutWalk, una catena di manifestazioni iniziata nel 2011 e presto trasformata in ampio movimento di protesta in tutto il mondo. La grossa mole di partecipanti ha bloccato il traffico esponendo slogan scritti sia sul proprio corpo che su  cartelli.

LA NUOVA PROPOSTA DI LEGGE
Uno dei motivi principali della protesta era richiamare l’attenzione sulla libertà di azione e di abbigliamento, spesso messa in discussione dal parere dell’opinione pubblica. Dietro l’iniziativa anche una nuova restrizione sulle tematiche abortiste: qualora dovesse passare una nuova proposta di legge, infatti, una donna vittima di stupro avrebbe la possibilità di interrompere la gravidanza solo se capace di dimostrare il crimine subito. Secondo una delle manifestanti, Stephanie Ruas (26 anni) occorre «combattere la violenza ovunque, a scuola come sul lavoro o semplicemente per difendere la nostra dignità di donne. Si tratta di un fatto puramente culturale».

Immagine anteprima YouTube

UN PAESE PERICOLOSO PER LE DONNE
Per quanto riguarda il Brasile nello specifico, si tratta di un luogo in cui per le donne è ancora molto rischioso girare in strada da sole. Secondo le dimostranti di Rio de Janeiro, nel Paese sudamericano ogni due ore si registra una violenza sessuale. Si tratta di un dato che fa del Brasile il quinto Stato più pericoloso al mondo per il sesso femminile. «Gli uomini continuano a vederci come degli oggetti», sostiene Indara Costa (18 anni). «Noi vogliamo sentirci libere di fare quello che vogliamo con i nostri corpi senza rischiare di essere molestate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery, persone, video Argomenti: , , , , Data: 17-11-2015 01:58 PM


Lascia un Commento

*