Cara nuora, ti porto in tribunale

Una suocera ha accusato la moglie del figlio di circonvenzione di incapace.

dv741037Suocere e nuore non sono mai andate troppo d’accordo. Ma figuratevi che cosa può succedere quando una è madre di un milionario quasi 60enne e l’altra una seducente 40enne dell’Est Europa. La suocera ha tentato in tutti i modi di impedire il matrimonio della sua stagionata prole, ma invano. Il matrimonio è stato celebrato, e la nuora si è insediata nella villa di famiglia. Storia finita? No, perché la suocera ha deciso di fare ricorso al tribunale. E la battaglia legale, al momento, la vede in vantaggio.

CIRCONVENZIONE DI INCAPACE
Per annullare il matrimonio, la suocera ha portato all’attenzione del giudice una serie di certificati che testimonierebbero come il figlio sia afflitto da una forma di schizofrenia paranoide cronica. Tanto che, per aiutarlo nello svolgimento dei compiti quotidiani, era stato nominato un amministratore di sostegno. Ma poi, lo sposo aveva incontrato questa bella donna dell’Est mentre si trovava nella sala d’attesa del medico curante. Sbocciato l’amore, i due si erano sposati di nascosto. Immediata la reazione della suocera: a suo dire, la nuora si era resa colpevole di circonvenzione d’incapace. E dire che il giudice le aveva dato ragione fin dall’inizio, firmando un provvedimento che avrebbe dovuto impedire il matrimonio, recapitato però solo due giorni dopo la cerimonia. La suocera non si è data per vinta, però, e ha ottenuto il rinvio a giudizio della nuora per circonvenzione d’incapace. Il processo è stato fissato per il 26 maggio del 2016. In ballo, oltre all’amore, c’è un patrimonio di 50 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , Data: 26-10-2015 12:25 PM


Lascia un Commento

*